torna alle news
16 Aprile 2011

Rimozione amianto e fotovoltaici

La Regione ha stanziato nove milioni di euro per la rimozione dell’amianto e l’installazione di impianti fotovoltaici attraverso un bando rivolto alle piccole e medie imprese emiliano-romagnole.

Domande di contributo: dovranno essere presentate tra il 16 maggio 2011 e 16 giugno 2011., entro le ore 16. Gli interventi finanziati vanno dalla rimozione e smaltimento dei manufatti contenenti cemento-amianto alla coibentazione degli edifici climatizzati all’installazione di impianti fotovoltaici di nuova fabbricazione. Qualunque sia l’importo dell’investimento, il regime di aiuto prescelto nonché la misura percentuale applicata, il contributo concedibile per ciascun beneficiario non potrà eccedere, per l’intero complesso di interventi ammessi, la somma complessiva di € 150.000,00.

Beneficiari: Pmi emiliano romagnole che debbono eseguire a) interventi di rimozione e smaltimento amianto + interventi di coibentazione degli edifici climatizzati + interventi per l’installazione e messa in esercizio di impianti fotovoltaici; oppure b) interventi di rimozione amianto + interventi di coibentazione degli edifici climatizzati (con le spese per l’installazione e messa in esercizio dell’impianto fotovoltaico totalmente a carico dell’impresa senza alcun contributo regionale); oppure c) interventi di rimozione amianto + interventi per l’installazione e messa in esercizio di impianti fotovoltaici;
Possono partecipare al bando solo imprese di alcuni specifici codici ATECO 2007 da verificare per l’accessibilità al bando.
Interventi finanziabili: a) interventi finalizzati alla rimozione e allo smaltimento dei manufatti contenenti cemento-amianto anche di matrice resinosa presenti in edifici, immobili e/o stabilimenti in cui si svolgono attività lavorative; b) interventi di coibentazione degli edifici climatizzati indicati nella precedente lettera a); c) interventi finalizzati alla installazione – sugli edifici indicati nella precedente lettera a) – e messa in esercizio di impianti fotovoltaici di nuova fabbricazione.

Spese ammissibili:

  • INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DI MANUFATTI CONTENENTI CEMENTO AMIANTO: a) le spese connesse alla rimozione dell’amianto da manufatti in matrice cementizia e/o resinosa; b) le spese connesse allo smaltimento dell’amianto; c) le spese tecniche; d) le spese connesse agli oneri di sicurezza;
  • INTERVENTI FINALIZZATI ALLA COIBENTAZIONE DEGLI EDIFICI CLIMATIZZATI: a) spese per la fornitura dei materiali e dei componenti strettamente necessari alla realizzazione dei lavori di coibentazione; b) spese per la realizzazione e posa in opera delle opere edili necessarie alla coibentazione.
  • INTERVENTI FINALIZZATI ALLA INSTALLAZIONE E MESSA IN ESERCIZIO DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: a) spese per la fornitura dei materiali e dei componenti strettamente necessari alla realizzazione degli impianti; b) spese per l’installazione e posa in opera degli impianti; c) spese per la connessione dell’impianto alla rete elettrica; d) spese per la realizzazione delle opere edili strettamente necessarie e connesse alla installazione degli impianti.

Tipologia di contributo:

  • INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIMOZIONE E SMALTIMENTO DI MANUFATTI CONTENENTI CEMENTO AMIANTO In tale caso il contributo viene concesso sotto forma di contributo in conto capitale che, a partire dall’anno successivo decorrente dalla data del provvedimento che dispone l’erogazione del saldo, dovrà essere restituito nella misura pari al 50% del relativo importo, con l’applicazione di un tasso di interesse pari allo 0,50% ai sensi dell’art.72 della legge 289/2002. In tale caso il contributo potrà essere concesso nella misura massima: – del 45% dell’investimento, nel caso in cui venga applicato il regime de minimis; – del 45% dei sovraccosti di investimento ammessi, nel caso in cui venga applicato l’art. 18 del Regolamento generale di esenzione. Nel caso specifico il costo totale ammissibile data la specificità dell’intervento, è interamente il sovraccosto all’investimento proposto.
  • INTERVENTI FINALIZZATI ALLA COIBENTAZIONE DEGLI EDIFICI CLIMATIZZATI. In tale caso il contributo viene concesso sotto forma di contributo in conto capitale a fondo perduto. In tale caso il contributo potrà essere concesso nella misura massima:- del 45% dell’investimento, nel caso in cui venga applicato il regime de minimis; – del 45% dei sovraccosti di investimento ammessi, nel caso in cui venga applicato l’art. 18 del Regolamento generale di esenzione.
  • INTERVENTI FINALIZZATI ALLA INSTALLAZIONE E MESSA IN ESERCIZIO DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI. In tale caso il contributo viene concesso sotto forma di contributo in conto capitale a fondo perduto. In tale caso il contributo potrà essere concesso nella misura massima: – del 30% dell’investimento, nel caso in cui venga applicato il regime de minimis; – del 45% dei sovraccosti di investimento, nel caso in cui venga applicato l’art. 23 del Regolamento generale di esenzione.

Al fine di poter accedere al contributo previsto nel presente bando le imprese richiedenti dovranno presentare un progetto che, complessivamente considerato, preveda un investimento minimo pari a € 100.000,00.

TERMINE DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE: Le domande potranno essere presentate tra il 16 maggio 2011 e le ore 16:00 del 16 giugno 2011.
 

Per informazioni:

Tiziana Zarrella, Tel. 0514172343
t.zarrella@confartigianatobologna.it