torna alle news
9 Novembre 2004

RIFORMA DEL SISTEMA PREVIDENZIALE

Dal 6 Ottobre 2004 è entrata in vigore la legge 243 del 23.08.2004 recante “norme in materia pensionistica e deleghe al governo nel settore della previdenza pubblica, per il sostegno alla previdenza complementare e all’occupazione stabile e per il riordino degli enti di previdenza e assistenza obbligatoria”.
La legge conferisce al governo il compito di intervenire mediante appositi decreti delegati entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore la presente legge, tuttavia l’avvio del sistema di certificazione del diritto a pensione e di incentivi al prolungamento dell’attività lavorativa potrà diventare operativo nel breve periodo.
La nuova normativa propone:
· L’innalzamento dell’età’ effettiva di pensionamento, da perseguire, nel periodo 2004-2007 mediante sistema di incentivazione al prolungamento della vita lavorativa.
· La riduzione del lavoro irregolare degli anziani, eliminando gradualmente il divieto di cumulo dei redditi da pensione e redditi da lavoro.
· La promozione dell’occupazione, diminuendo il costo del lavoro mediante l’innalzamento del limite massimo di esclusione dall’imponibile contributivo del cosiddetto “salario variabile”.
· Lo sviluppo delle forme di previdenza complementare, mediante il potenziamento dei flussi di finanziamento alle forme pensionistiche complementari, collettive e individuali, il rafforzamento degli incentivi fiscali e l’innalzamento del livello di competitività del sistema.
Il governo inoltre è stato delegato ad adottare, entro 18 mesi dalla data di entrata in vigore di questa legge, un Testo Unico delle disposizioni in materia previdenziale, volto a “modificare, correggere, ampliare e abrogare” norme vigenti relative ad ogni aspetto della vicenda previdenziale, con particolare riferimento alla contribuzione, alla erogazione delle prestazioni, all’attività amministrativa e finanziaria degli enti di previdenza obbligatoria e all’erogazione degli assegni sociali, con l’obiettivo di conferire una maggiore razionalizzazione e complessiva efficienza ed adeguatezza al sistema.