torna alle news
10 Novembre 2004

REGOLARITA’ CONTRIBUTIVA NEL SETTORE EDILE

E’ stato approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto legislativo che corregge il precedente D.Lgs n. 276/2003 in tema di occupazione e mercato del lavoro.
Queste le modifiche più rilevanti per il settore:
1.E’ previsto l’obbligo di certificare la regolarità contributiva (DURC) anche per le imprese che svolgono lavori privati.
Il DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva) deve essere presentato prima dell’inizio dei lavori in quanto il mancato invio di tale comunicazione sospende la validità del titolo abilitativo (la DIA o il permesso di costruire) e non abilita l’impresa a iniziare i lavori.
2.E’ stata estesa anche all’appalto di opere la responsabilità solidale per i trattamenti retributivi e previdenziali dovuti entro il termine di un anno dalla cessazione dell’appalto. Tale obbligo era previsto in origine solo per gli appalti di servizi.
3.In caso di instaurazione di rapporti di lavoro anziché procedere alla comunicazione contestualmente al Centro per l’Impiego, l’impresa deve effettuare la comunicazione il giorno precedente.
In presenza di mancata comunicazione sono previste sanzioni variabili da 100 a 500 euro per ogni lavoratore.
Tale disposizione non è tuttavia operativa da subito in quanto necessita, come per le altre novità in tema di collocamento in base al D.Lgs. 297/2002, dell’emanazione del decreto che dovrà approvare la modulistica unificata per le diverse comunicazioni ai servizi di collocamento e agli enti previdenziali.