torna alle news
10 luglio 2019

REGIONE EMILIA ROMAGNA: SOSTEGNO DEGLI INVESTIMENTI PRODUTTIVI TURISMO

Finalità
Favorire e incentivare l’insediamento e/o lo sviluppo delle attività ricettive e turistico-ricreativo regionali, agevolando interventi di riqualificazione, ristrutturazione, ammodernamento e rinnovo delle attrezzature (NO interventi di nuova costruzione).

Beneficiari
A. Strutture ricettive alberghiere (LR 16/2004 e smi, art. 4, comma 6);
B. strutture ricettive all’aria aperta (LR 16/2004 e smi, art. 4, comma 7);
C. stabilimenti balneari;
D. stabilimenti termali (L. 323/2000, art. 3);
E. locali di pubblico intrattenimento del tipo “discoteche”.

Spese Ammissibili
Tutte quelle pertinenti e funzionali l’esercizio dell’attività e sostenute per le seguenti tipologie di beni, successivamente al 1° gennaio 2019:
1. opere edili, murarie e impiantistiche;
2. macchinari, attrezzature, impianti opzionali, finiture e arredi;
3. hardware, software e relative licenze d’uso, servizi di cloud computing, per la realizzazione di siti per l’e-commerce;
4. acquisto o allestimento di mezzi di trasporto non targati;
5. Servizi di consulenza specializzata, incluse la progettazione, la direzione lavori, i collaudi e la presentazione e gestione della domanda di contributo (max 10% della somma delle voci precedenti).

I budget di investimento devono avere un importo minimo di
€ 100.000,00 per i beneficiari A, B, D
€ 80.000,00 per i beneficiari C, E

e completarsi entro 10 mesi dalla data di concessione del contributo. Inoltre, i progetti presentati su questa prima finestra dovranno realizzarsi in misura pari ad almeno l’80% entro la fine del 2019.

Agevolazione
Contributo in regime “de minimis” a fondo perduto pari al 20% (elevabile al 25%) delle spese ammissibili e fino ad un massimo di Euro 200.000,00 per ogni beneficiario.

OVVERO

Contributo in regime di “esenzione” a fondo perduto pari al 10% delle spese ammissibili e fino ad un massimo di Euro 210.000,00 per ogni beneficiario (in questo regime sono ammesse esclusivamente le spese sostenute dopo la presentazione della domanda).

Inoltre, il progetto deve necessariamente essere assistito da un finanziamento bancario per la quota residua, accompagnato dall’intervento del Consorzio Fidi (garanzia fino all’80% del finanziamento, a sua volta parzialmente contro-garantita dal Fondo EuReCa Turismo): è importante considerare che
1) l’intervento obbligatorio delle garanzie ha un costo;
2) alla domanda deve necessariamente essere allegata copia della delibera di concessione condizionata della garanzia diretta prestata dal Consorzio, unitamente ad una sintesi della valutazione economico-finanziaria del progetto, sempre a cura del medesimo Consorzio Fidi.

Modalità di presentazione della domanda
In occasione del I sportello la Regione accoglie le domande trasmesse tramite il portale SFINGE 2020 a partire dal prossimo

17 luglio

e fino al 13 agosto, salvo chiusura anticipata al raggiungimento di 60 domande protocollate.

Per info:
Ufficio credito Confartigianato Bologna
Luciano Moda cell. 3358147740
Mail: l.moda@confartigianatobologna.it