torna alle news
19 agosto 2008

Novità fiscali per le cooperative

I seguenti provvedimenti fanno parte della “Manovra d’estate”. Decreto-legge 25 giugno 2008 n. 112, convertito in legge n. 133 del 6 agosto 2008 (pubbl. Suppl. Ord. n. 196 a G.U. n. 195 del 21 agosto 2008)

Destinazione del 5 per cento degli utili delle cooperative a mutualità prevalente al fondo per i cittadini meno abbienti

Le cooperative a mutualità prevalente che presentano in bilancio debiti nei confronti dei soci superiori ai 50 milioni di euro e maggiori dell’importo del patrimonio netto contabile comprensivo dell’utile, destinano il 5% degli utili a finanziamento del fondo di solidarietà per i cittadini meno abbienti.

Innalzamento della ritenuta sugli interessi corrisposti da cooperative

Viene elevata la ritenuta a titolo d’imposta sugli interessi corrisposti dalle società cooperative e loro consorzi ai soci persone fisiche, relativamente ai prestiti erogati alle condizioni stabilite dall’articolo 13 del Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 601 dal 12,5 al 20 per cento. La disposizione si applica alle società cooperative e consorzi che non soddisfano i requisiti di piccole e medie imprese di cui alla raccomandazione della Commissione 361/2003.

Tassazione degli utili maturati da cooperative di consumo e loro consorzi

Le disposizioni dei commi 28 e 29 interessano le cooperative di consumo e loro consorzi. In particolare viene elevata dal 30 per cento al 55 per cento la quota degli utili netti annuali destinati a riserve indivisibili che concorrono alla formazione del reddito imponibile delle cooperative di consumo e loro consorzi.

Il decreto legge entra in vigore il giorno stessa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Quindi, le disposizioni originarie del decreto legge sono entrate in vigore il 25 giugno 2008. Le modifiche intervenute in sede di conversione, sono entrate in vigore il 22 agosto 2008 (giorno successivo a quello di pubblicazione della legge di conversione in Gazzetta Ufficiale).