torna alle news
29 Ottobre 2010

MSE: Investimenti Industializzazione

  • Beneficiari (Regione Calabria, Sicilia, Puglia, Calabria)

Sono ammissibili alle agevolazioni previste dal presente decreto i programmi riferiti agli specifici obiettivi riguardanti una delle seguenti attività:

a) attività del settore alimentare, di cui alla classificazione delle attività economiche ATECO 2007, limitatamente a quelle riguardanti la produzione di prodotti da forno, prodotti surgelati, gelati e dolci, piatti pronti, paste alimentari, bevande analcoliche (ad esclusione di acque minerali), omogeneizzati e prodotti dietetici, alimenti per animali;
b)attività di fabbricazione di apparecchiature elettriche ed apparecchiature per uso domestico non elettriche, di cui alla classificazione delle attività economiche ATECO 2007, limitatamente a:
– Fabbricazione di motori, generatori e trasformatori elettrici e di apparecchiature per la distribuzione e il controllo dell’elettricità
– Fabbricazione di batterie di pile ed accumulatori elettrici
– Fabbricazione di cablaggi e apparecchiature di cablaggio
– Fabbricazione di apparecchiature per illuminazione
– Fabbricazione di apparecchi per uso domestico
– Fabbricazione di altre apparecchiature elettriche
c)attività di produzione di biotecnologie limitatamente a:
– Processi biomedici e farmaceutici come l’individuazione di organismi in grado di sintetizzare farmaci o antibiotici o sviluppo di tecnologie di ingegneria genetica per la cura di patologie – Processi biotecnologici di interesse industriale come la costituzione di microrganismi in grado di produrre sostanze chimiche
– Processi agricoli come la modificazione di organismi per renderli in grado di crescere in determinate condizioni ambientali o nutrizionali a minore impatto ambientale rispetto ai processi agricoli classici
– Bioinformatica.

Sono ammissibili alle agevolazioni i programmi riguardanti una delle seguenti tipologie:
a) realizzazione di nuove unità produttive;
b) ampliamento di unità produttive esistenti;
c) diversificazione della produzione di un’unità produttiva in nuovi prodotti/servizi
aggiuntivi;
d) cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di un’unità produttiva esistente.

Con riferimento alle predette attività ammissibili, in conformità ai divieti e alle limitazioni derivanti da disposizioni comunitarie, non sono ammissibili alle agevolazioni i programmi d’investimento riguardanti le attività economiche relative ai settori della Siderurgia, della Cantieristica navale, dell’Industria carboniera e delle Fibre sintetiche, non sono, inoltre, ammissibili alle agevolazioni i programmi riguardanti il settore della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli.

  • Campo di intervento progetti

Al fine di promuovere lo sviluppo delle imprese nell’ambito delle fonti di energia rinnovabile e del risparmio energetico e con particolare attenzione allo sviluppo delle relative filiere produttive, sono stati decretati i termini, le modalità e le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore dei programmi di investimento riguardanti la produzione di beni strumentali funzionali allo sviluppo delle fonti di energia rinnovabili e al risparmio energetico nell’edilizia

Promuovendo anche il riposizionamento competitivo del sistema produttivo, sono stati decretati i termini, le modalità e le procedure per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore dei programmi di investimento finalizzati al perseguimento di specifici obiettivi di innovazione, miglioramento competitivo e tutela ambientale.

  • Agevolazioni

Sono ammessi alle agevolazioni i programmi il cui importo complessivo delle spese ammissibili non sia inferiore a € 1.500.000,00 ( unmilionecinquecentomila/00 euro) e non sia superiore a € 25.000.000,00 (venticinquemilioni/00 euro). Le agevolazioni sono concesse per tutte le grandi imprese e PMI e le aree territoriali ammissibili. Le agevolazioni concesse in relazione ai programmi d’investimento di cui al decreto non sono cumulabili con altre agevolazioni pubbliche concesse per le medesime spese, incluse quelle concesse a titolo "de minimis" secondo quanto previsto dal Regolamento 1998/2006.

  • Spese ammissibili

a) suolo aziendale e sue sistemazioni; le relative spese sono ammesse nel limite del 10% dell’investimento complessivo ammissibile del programma;
b) opere murarie e assimilate e infrastrutture specifiche aziendali; tali spese sono ammissibili nella misura massima del 30% dell’importo complessivo degli investimenti ammissibili per ciascun programma d’investimento. A tale riguardo, la superficie destinata ad uffici può essere ritenuta ammissibile nella misura di 25 mq per addetto;
c) macchinari, impianti ed attrezzature varie nuovi di fabbrica, ivi compresi quelli necessari all’attività gestionale dell’impresa, ed esclusi quelli relativi all’attività di rappresentanza; mezzi mobili, esclusi i mezzi di trasporto targati, identificabili singolarmente ed a servizio esclusivo dell’unità produttiva oggetto delle agevolazioni;
d) programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa, brevetti, licenze, know- how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi, per la parte in cui sono utilizzati per l’attività svolta nell’unità produttiva interessata dal programma; per le grandi imprese, tali spese sono ammissibili solo fino al 50%
dell’investimento complessivo ammissibile.

 

Bando Pubblicato sulla GU 11 settembre 2010, le domande possono essere presentate dal 90° giorno dalla pubblicazione in GU, si terrà conto dell’ordine di arrivo delle domande

 

Per informazioni:

Servizio Formazione,
Tiziana Zarrella, Tel. 0514172343
t.zarrella@confartigianatobologna.it

Vai alla Formazione

Tutte le notizie a proposito di Formazione