torna alle news
27 maggio 2005

La Carta Nazionale dei Servizi (CNS)

Già da febbraio 2005 la Camera di Commercio di Bologna, in qualità di Ente Emettitore, analogamente a quanto già avveniva per il rilascio delle smart card, rilascia la Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

La Carta Nazionale dei Servizi (CNS) è un documento rilasciato su supporto informatico per consentire l’accesso per via telematica ai servizi erogati dalle pubbliche amministrazioni contenente un certificato di autenticazione CNS, che permette l’identificazione in rete del titolare della carta, e un certificato di sottoscrizione, che permette l’utilizzo delle funzioni di firma digitale.

La CNS ha l’obiettivo di anticipare la fruizione dei servizi previsti per la Carta di Identità Elettronica (CIE), permettendo l’identificazione in rete del titolare e garantendo gli accessi ai servizi in rete erogati dalle pubbliche amministrazioni senza possedere le proprietà di documento di riconoscimento "a vista". Tutte le pubbliche amministrazioni infatti che mettono a disposizione servizi on-line dovranno consentirne l’accesso ai titolari di CNS .

Per il rilascio della CNS è necessario che il soggetto richiedente non sia in possesso della Carta d’Identità Elettronica (CIE). Tutte le pubbliche amministrazioni infatti che mettono a disposizione servizi on-line dovranno consentirne l’accesso ai titolari di CNS. La CNS è dunque destinata a sostituire la smart card che per il momento si potrà continuare ad usare e a rinnovare per chi ne è già in possesso , mentre le nuove richieste di firma digitale si dovranno fare richiedendo il rilascio della CNS e non più della smart card. Nel modello di richiesta per il rilascio della CNS, è prevista la possibilità di richiedere anche l’attivazione di caselle di Posta Elettronica Certificata (PEC), gratuite fino al 30.09.2005 .

La posta elettronica certificata (detta anche posta certificata o PEC) è un sistema di comunicazione simile alla posta elettronica standard a cui si aggiungono delle caratteristiche di sicurezza e di certificazione della trasmissione. Affinché ciò sia possibile, è necessario comunque che entrambi i soggetti interessati (chi manda e chi riceve), abbiano il medesimo sistema.

Per informazioni rivolgersi all`ufficio Confartigianto Federimprese più vicino.