torna alle news
29 Maggio 2009

Incentivi e detrazioni

Con la conversione in legge del c.d. “Decreto incentivi”, possono essere considerate operative le novità varate dal Governo al fine di contrastare la crisi. In particolare si segnalano, di seguito, due specifiche agevolazioni, la prima delle quali connessa all’acquisto di un veicolo nuovo, previa rottamazione di quello “vecchio”, la seconda relativa all’acquisto di mobili ed elettrodomestici, tra i quali sono compresi, anche i televisori e i computer. Per quanto riguarda il c.d. “contributo alla rottamazione”, questo spetta nel caso di sostituzione, realizzata attraverso la demolizione, di veicoli di categoria euro 0, euro 1 ed euro 2 immatricolati fino al 31.12.99, con veicoli nuovi di categoria euro 4 o euro 5 (euro 3 per i motocicli). L’agevolazione compete per i veicoli nuovi acquistati, anche in leasing, con contratto stipulato tra venditore e acquirente a decorrere dal 7.2.2009 e fino al 31.12.2009, purché immatricolati non oltre il 31 marzo 2010. L’ammontare del contributo, la tipologia di veicoli interessati e le altre condizioni sono riassunte nella tabella sottostante. Sono stati inoltre rideterminati, a decorrere dal 7.2.2009, gli importi dei seguenti incentivi: € 500 per l’installazione di impianti a GPL; € 650 per l’installazione di impianti a metano.
Per la seconda agevolazione, altresì, è riconosciuta una specifica detrazione IRPEF nella misura del 20% delle spese documentate, sostenute dal 7.2.2009 al 31.12.2009 e fino a un importo massimo di spesa pari a € 10.000, da ripartire in 5 quote annuali, per l’acquisto dei seguenti beni: mobili; elettrodomestici ad alta efficienza energetica, ossia di classe di efficienza energetica A+, nonché apparecchi televisivi e computer. Da quanto sopra si può desumere che l’ammontare massimo di risparmio connesso alla detrazione in esame è pari a € 400 annui per 5 anni (10.000 x 20% da ripartire in 5 anni). È importante sottolineare che la detrazione è subordinata all’effettuazione di interventi di recupero del patrimonio edilizio, per i quali si fruisce della detrazione del 36%, iniziati a decorrere dall’1.7.2008. Sul punto la data di inizio lavori va desunta dalla comunicazione inviata al Centro operativo di Pescara. È specificato espressamente che gli interventi di recupero sopra richiamati sono soltanto quelli eseguiti su singole unità immobiliari. In merito alle modalità operative la disposizione in esame rinvia a quanto previsto per l’agevolazione del 36% e pertanto in particolare è necessario effettuare i pagamenti mediante bonifico bancario. Infine la norma specifica che l’acquisto deve essere finalizzato all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione. 
 

Per informazioni:
Marco Scorzoni 
m.scorzoni@confartigianatobologna.it

Tutte le notizie a proposito di Fisco

Vai a Amministrazione e Fisco