torna alle news
21 Luglio 2008

Incentivi alle imprese artigiane

La Regione Emilia Romagna riconosce contributi su investimenti realizzati dalle imprese artigiane, per i quali l’impresa si finanzia mediante il ricorso a un mutuo bancario o a un leasing.

Fino al 31 luglio 2008 è possibile presentare domande alla Regione Emilia Romagna per investimenti che potranno essere realizzati nei successivi due anni.

Invitiamo le aziende interessate a contattarci per ricevere tutte le informazioni in merito.

Per informazioni:

Ufficio Credito Confartigianato
Franco Vernelli, Luciano Moda
051/4172311-051/6388670
l.moda@confartigianatobologna.it

Vai al Credito

Tutte le notizie a proposito di Credito

 Di seguito una scheda di sintesi per valutare meglio questa opportunità.

Incentivi alle imprese artigiane dell’Emilia Romagna, Legge Regionale 3/93

Finalità della misura: 
Promuovere gli investimenti delle imprese artigiane della Regione Emilia Romagna

Investimenti ammissibili a contributo: 

  • L’acquisto, anche tramite leasing, la costruzione, l’ampliamento, l’ammodernamento e la ristrutturazione di immobili posti al servizio dell’attività artigiana dell’impresa (esclusi terreni e aree esterne agli immobili)
  • L’acquisto anche tramite leasing, di macchinari, attrezzature e veicoli nuovi di fabbrica
  • L’acquisizione di commesse e/o appalti comunitari e nazionali
  • La costruzione e/o acquisizione di stampi

Chi può fare domanda
 Tutte le imprese artigiane, anche di nuova costituzione, che effettuano gli interventi nella Regione Emilia Romagna

Entità del contributo
Indicativamente fra il 7% e il 10% del totale delle spese ammissibili. Il contributo pubblico è un rimborso sulle spese effettuate dall’impresa, viene liquidato direttamente all’impresa dietro presentazione dei titoli di spesa che dimostrano l’avvenuto investimento.

Come funziona il contributo pubblico

  • L’impresa quantifica gli investimenti che deve effettuare
  • L’impresa finanzia gli investimenti sopra determinati con un finanziamento bancario o con leasing
  • L’impresa, per il tramite di Confartigianato Federservizi, presenta una domanda di contributo alla banca o alla società di leasing entro il 31 luglio 2008. L’impresa può anche richiedere la concessione di una garanzia presso una cooperativa fidi che rientra nella convenzione con Artigiancredit
  • L’impresa ha tempo 24 mesi per la realizzazione e il pagamento degli interventi
  • Terminati e spesati gli interventi, Confartigianato Federservizi procede alla raccolta della documentazione necessaria e alla richiesta di liquidazione del contributo richiesto
  • La Regione effettua le verifiche e i controlli e procede alla liquidazione del contributo all’impresa

E’ importante sapere che:

  • Sono ammissibili le spese per l’installazione di pannelli fotovoltaici, e gli incentivi si possono cumulare con il contributo in conto energia previsti dalla normativa nazionale
  • Sono ammissibili gli investimenti in macchinari e attrezzature finalizzate alla riduzione dell’impatto ambientale del ciclo produttivo