torna alle news
30 Aprile 2011

GAL: Bandi Appenino Bolognese

– Agriturismo

Sono ammesse all’aiuto:

  1. investimenti per l’adeguamento delle aziende al fine di realizzare o ampliare attività agrituristiche
  2. investimenti dedicati ad attività didattiche;


1) Investimenti per l’adeguamento delle aziende al fine di realizzare o ampliare attività agrituristiche

Spese ammissibili:

  • interventi di recupero o ristrutturazione dei fabbricati esistenti in azienda, realizzazionedi piazzole e relative strutture idriche e sanitarie per campeggio, compresa l’eventuale impiantistica necessaria, realizzazione ed allestimento di strutture fisse per attività ricreative, sportive, culturali, sociali, didattiche e per il tempo libero;
  • ampliamenti dei fabbricati esistenti e nuove costruzioni da destinare esclusivamente a servizi accessori per l’attività agrituristica, così come definiti nei criteri di attuazione della L.R. n. 4/2009, nel rispetto delle condizioni e dei limiti previsti dall’art. 11 della L.R. n. 4/2009;
  • sistemazioni esterne a servizio di fabbricati agrituristici (con esclusione di qualsiasi impianto produttivo agricolo o di forestazione);
  • allestimento di camere, sala ristorazione, cucina e locali accessori utilizzati per l’attività agrituristica (per allestimento si intende acquisto di mobili e, per la cucina e i locali accessori, di eventuali attrezzature fisse ed inventariabili per la preparazione, lavorazione e conservazione dei cibi);
  • acquisto di attrezzature informatiche e relativo software (di base e specifico) per la gestione dell’attività agrituristica;
  • recupero di locali in fabbricati esistenti e acquisti di attrezzature da destinare esclusivamente a camere e relativi bagni per Ospitalità Rurale Familiare nel limite massimo di 15.000 Euro per ogni stanza con bagno ristrutturata a tale scopo;
  • spese generali e tecniche nella misura massima del 10% della spesa ammissibile. 

 

2) Investimenti dedicati esclusivamente all’attività didattica

Spese ammissibili:

  • acquisto di attrezzature e macchinari per l’attività didattica;
  • ristrutturazione e allestimento dei locali e degli spazi esterni specificatamente dedicati all’attività nel limite massimo di un locale coperto e di un bagno ad uso esclusivo degli utenti;
  • spese generali e tecniche nella misura massima del 10% della spesa ammissibile.

Il presente avviso pubblico è a valere su un ammontare complessivo di Euro 474.861,99.

L’aiuto, in forma di contributo in conto capitale, sarà pari:

  • al 45% della spesa ammissibile, nei territori dei Comuni compresi nelle aree rurali con problemi complessivi di sviluppo (sono interamente compresi i territori dei comuni di: Camugnano, Castel d’Aiano, Castel di Casio, Castiglione dei Pepoli, Gaggio Montano, Granaglione, Grizzana Morandi, Lizzano in Belvedere, Monghidoro, Monzuno, Porretta Terme, San Benedetto Val di Sambro e Vergato);
     
  • al 40% della spesa ammissibile, nelle aree rurali intermedie considerate svantaggiate (sono interamente compresi i territori dei comuni di: Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel del Rio, Fontanelice, Loiano, Marzabotto, Monterenzio e Savigno). 

 

– Impianti per energia da fonti rinnovabili

Gli interventi ammissibili riguardano la realizzazione di impianti per la produzione, utilizzazione e vendita di energia e/o calore di potenza massima di 1 MW quali:

  • centrali termiche con caldaie alimentate prevalentemente a cippato o a pellets;
  • microimpianti per la produzione di biogas dai quali ricavare energia termica e/o elettrica (compresa cogenerazione);
  • microimpianti per la produzione di pellets e oli combustibili da materiale vegetale;
  • microimpianti per la produzione di energia eolica;
  • microimpianti per la produzione di energia solare;
  • microimpianti per la produzione di energia idrica (piccoli salti);
  • impianti combinati per la produzione di energia da fonti rinnovabili; in tali impianti la somma delle singole tipologie di produzione non può superare la potenza massima di 1 MW;
  • piccole reti per la distribuzione dell’energia a servizio delle centrali o dei microimpianti realizzati in attuazione della presente Azione nel limite massimo del
  • 20% della spesa ammissibile del progetto presentato ed alla condizione che tale rete sia di proprietà del beneficiario.

Spese ammissibili:

  • opere murarie ed edili per la realizzazione di vani di servizio, reti per la distribuzione, attrezzature e macchinari, nei limiti di quanto strettamente necessario alla realizzazione dell’intervento secondo le migliori tecniche di progettazione in materia;
  • spese generali e tecniche per la progettazione, direzione lavori e collaudo per un massimo del 10% della spesa ammissibile. In sede di determinazione dell’ammissibilità della spesa sarà valutata la compatibilità del progetto presentato con gli obiettivi dell’Azione.


– Ammodernamento delle aziende agricole

Il contributo incentiva l’ammodernamento delle aziende agricole, favorendone il processo di innovazione tecnologica allo scopo di migliorarne il rendimento globale, anche attraverso lo sviluppo di investimenti interaziendali.

Spese ammissibili:

  • investimenti volti a ridurre i costi di produzione, migliorare la qualità delle produzioni, migliorare le condizioni di lavoro e/o gli standard di sicurezza;
  • investimenti finalizzati alla ristrutturazione/riconversione di comparti produttivi non competitivi;
  • riconversioni colturali e/o varietali per adeguarle alle nuove esigenze dei consumatori, agli orientamenti dei mercati, e/o ridurre i costi di produzione;
  • investimenti migliorativi riguardanti l’ambiente, le condizioni igienico-sanitarie ed il benessere degli animali;
  • investimenti volti ad aumentare il valore aggiunto dei prodotti agricoli attraverso l’adeguamento dei prodotti e dei processi aziendali anche in funzione della lavorazione e della trasformazione diretta;
  • investimenti volti a favorire la commercializzazione delle produzioni aziendali in funzione delle diverse forme di mercato;
  • investimenti finalizzati all’introduzione di sistemi volontari di certificazione della qualità;
  • investimenti finalizzati alla produzione di energia da fonti rinnovabili.

Scadenza 28 Luglio 2011