torna alle news
14 Novembre 2020

EMILIA ROMAGNA IN ZONA ARANCIONE

Il Ministero della Salute ha emanato una nuova ordinanza che da “gialla” (rischio moderato) ha spostato  la nostra regione in fascia “arancione” (cioè a rischio alto secondo i parametri individuati dal Comitato Tecnico Scientifico). Resta comunque valido quanto previsto dall‘ordinanza regionale del 12 novembre firmata dal presidente di Regione, Stefano Bonaccini.

Quali sono le norme previste per l’Emilia-Romagna in Zona arancione

Spostamenti consentiti
Nella Zona arancione è consentito spostarsi esclusivamente all’interno del proprio Comune, dalle 5 alle 22, senza necessità di motivare lo spostamento. Dalle 22 alle 5 sono vietati tutti gli spostamenti, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.

Inoltre sono vietati, 24 ore su 24, gli spostamenti verso altri Comuni e verso altre Regioni, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, motivi di studio o di salute o per svolgere attività o usufruire di servizi non disponibili nel proprio Comune .

Sono comunque consentiti gli spostamenti, verso qualsiasi area, che siano strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza, se prevista.

Con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza.
È consigliato lavorare a distanza, ove possibile, o prendere ferie o congedi.

clicchi qui per scaricare il modello_autodichiarazione_editabile

Cosa cambia per le attività di ristorazione (bar, ristoranti, pizzerie, etc)?
In quest’area, i ristoranti e le altre attività di ristorazione, compresi bar, pasticcerie e gelaterie, sono aperti esclusivamente per la vendita da asporto, consentita dalle 5 alle 22, e per la consegna a domicilio, consentita senza limiti di orario, ma che deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti.

Quali sono i locali che possono rimanere aperti anche dopo le 18?
Possono restare aperti oltre le ore 18 solo gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande siti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situate lungo le autostrade, negli ospedali e negli aeroporti.

Le regole per i negozi
Rimangono aperti tutte le tipologie di negozi, compresi parrucchieri ed estetisti.
Essendo valida l’Ordinanza regionale del 12 novembre “nei giorni prefestivi e festivi, le grandi e medie strutture di vendita, sia con un esercizio unico (supermercati) sia con più esercizi (ipermercati), sono chiuse al pubblico, salvo che per la vendita di generi alimentari, le farmacie, le parafarmacie, le tabaccherie e le edicole.

Nei giorni festivi si aggiunge il divieto di ogni tipo di vendita, anche in esercizi di vicinato, al chiuso o su area pubblica, fatta eccezione per le farmacie, le parafarmacie, le tabaccherie, le edicole e la vendita di generi alimentari.

Ordinanza regionale 12 novembre
L’entrata in vigore delle restrizioni relative alla Zona arancione non cancella quelle maggiormente stringenti contenute nell’ordinanza regionale emanata il 12 novembre

Qui di seguito è possibile scaricare uno schema che sintetizza ciò che è previsto per via dell’entrata nella zona arancione insieme a quanto introdotto dall’ordinanza regionale del 12 novembre