torna alle news
26 Novembre 2006

Corso di formazione per RLS

Il D.Lgs. 626/1994 prevede che i lavoratori eletti o designati ad assumere il ruolo di RLS (rappresentante dei lavoratori per la sicurezza), debbano essere adeguatamente formati.

Riportiamo l’articolo 18 del D.Lgs 626/1994 che regolamenta tale figura
1. In tutte le aziende, o unità produttive, è eletto o designato il rappresentante per la sicurezza.
2. Nella aziende, o unità produttive, che occupano sino a 15 dipendenti il rappresentante per la sicurezza è eletto direttamente dai lavoratori al loro interno. Nelle aziende che occupano fino a 15 dipendenti il rappresentante per la sicurezza può essere individuato per più aziende nell’ambito territoriale ovvero del comparto produttivo. Esso può essere designato o eletto dai lavoratori nell’ambito delle rappresentanze sindacali, così come definite dalla contrattazione collettiva di riferimento.
3. Nelle aziende, ovvero unità produttive, con più di 15 dipendenti il rappresentante per la sicurezza è eletto o designato dai lavoratori nell’ambito delle rappresentanze sindacali in azienda.
In assenza di tali rappresentanze, è eletto dai lavoratori dell’azienda al loro interno.
4. Il numero, le modalità di designazione o di elezione del rappresentante per la sicurezza, nonché il tempo di lavoro retribuito e gli strumenti per l’espletamento delle funzioni, sono stabiliti in sede di contrattazione collettiva.
5. In caso di mancato accordo nella contrattazione collettiva di cui al comma 4, il Ministro del lavoro e della previdenza sociale, sentite le parti, stabilisce con proprio decreto, da emanarsi entro tre mesi dalla comunicazione del mancato accordo, gli standards relativi alle materie di cui al comma 4. Per le amministrazioni pubbliche provvede il Ministro per la funzione pubblica sentite le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative sul piano nazionale.
6. In ogni caso il numero minimo dei rappresentanti di cui al comma 1 è il seguente:
a) un rappresentante nelle aziende ovvero unità produttive sino a 200 dipendenti;
b) tre rappresentanti nelle aziende ovvero unità produttive da 201 a 1000 dipendenti;
c) sei rappresentanti in tutte le altre aziende ovvero unità produttive.
7. Le modalità e i contenuti specifici della formazione del rappresentante per la sicurezza sono stabiliti in sede di contrattazione collettiva nazionale di categoria con il rispetto dei contenuti minimi previsti dal decreto di cui all’art. 22, comma 7.

I contenuti e la durata del corso sono stabiliti dall’articolo 2 del Decreto Ministeriale 16/01/1997, che prevede almeno 32 ore di formazione ed i seguenti contenuti minimi:
a) principi costituzionali e civilistici;
b) la legislazione generale e speciale in materia di prevenzione infortuni e igiene del lavoro;
c) i principali soggetti coinvolti ed i relativi obblighi;
d) la definizione e l’individuazione dei fattori di rischio;
e) la valutazione dei rischi;
f) l’individuazione delle misure (tecniche, organizzative, procedurali) di prevenzione e protezione;
g) aspetti normativi dell’attività di rappresentanza dei lavoratori;
h) nozioni di tecnica della comunicazione.

Confartigianato Federimprese Bologna ha organizzato un corso di 32 ore, rivolto ai rappresentanti dei lavoratori e a tutti i lavoratori che vogliono approfondire la conoscenza in materia di igiene e sicurezza, allo scopo di fornire le conoscenze professionali indispensabili per lo svolgimento di tale mansione aziendale.

Il corso si terrà presso l’ufficio di Via Papini, 18 (BO) e si articolerà nelle seguenti giornate:

Venerdì 15 dicembre 2006 dalle 9,00 alle 13,00 – dalle 14:00 alle 18,00
Venerdì 12 gennaio 2007 dalle 9,00 alle 13,00 – dalle 14:00 alle 18,00
Venerdì 19 gennaio 2007 dalle 9,00 alle 13,00 – dalle 14:00 alle 18,00
Venerdì 26 gennaio 2007 dalle 9,00 alle 13,00 – dalle 14:00 alle 18,00

Le imprese interessate possono comunicare la propria adesione al corso o richiedere tutte le informazioni dettagliate rivolgendosi agli uffici di zona.

Tutte le notizie a proposito di Ambiente Sicurezza e Qualità

Vai a Ambiente Sicurezza e Qualità