torna alle news
24 Agosto 2004

CILE: OPPORTUNITA’ DI SVILUPPO PER LE NOSTRE IMPRESE

Il Cile di oggi è un esempio di paese che ha saputo ritornare alla democrazia dopo l’esperienza della dittatura militare del Generale Pinochet rinserendosi nel sistema internazionale.
Ha sviluppato una politica che ha tenuto conto delle caratteristiche dell’America Latina, scegliendo un regionalismo aperto utilizzando tre importanti strumenti: apertura unilaterale , negoziazioni commerciali multilaterali e apertura negoziata a livello bilaterale e regionale.
Pochi stati dispongono attualmente di tanti accordi commerciali.
Gli accordi commerciali che il Cile ha stipulato e che può offrire ad evntuali partner riguardano Canada, Messico e Centro America (Costa Rica, Nicaragua, El Salvador, Guatemala e Honduras); Unione Europea; / Mercosur, (Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay dove il Cile gode dello status di menbro associato) ed inoltre è membro attivo dell’APEC (Asian Pacific Economic Cooperation).
I principali fattori che hanno contribuito allo sviluppo della realtà cilena possono essere individuati in:
– Governi stabili; Politica economica e Fiscale che gode ampio consenso;
– 15 anni di crescità economica sostenuta;
– inflazione in costante diminuzione ( 27,3 % l’inflazione nel 1990 e 2,6 nel 2001);
– un basso indice di disoccupazione ( tra 7 e 8 % ) e un mercato del lavoro flessibile;
– rapido sviluppo delle infrastrutture e dei servizi ( porti, aeroporti autostrade, Banche,ecc) ;
– normative che favoriscono gli investimenti esteri;
– un elevato livello di istruzione che favorisce la diffusione di nuove tecnologie e l’individuazione di nuove opportunita;
– dazi doganali generali: 6%
– crescità del PIL 4%
– deficit pubblico: 0,7 % del PIL.;
– è il secondo paese più trasparente negli affari (Price Waterhouse Cooper);
– è il primo paese emergente in America Latina e il 6 tra i paesi emergenti.
Il Cile ha una superficie: 2.006.096 Km/2, la Capitale è Santiago con 5.900.000 abitanti ; la popolazione totale e di 15.500.000 abitanti.
L’analfabetismo è il 4,8%.

Confartigianato sta già raccogliendo le richieste di collaborazione da parte di aziende rivolte ai nostri associati. Ne citiamo alcune a titolo di esempio: esperto in applicazioni di verniciatura elettrostatica, disegnatore macchine enologiche, panificatore, esperto in tecnologia e macchinari per la produzione di lamiera.
Gli Artigiani che fossero interessati ad iniziare un rapporto di scambio e collaborazione con aziende cilene possono contattare l’Ufficio Sindacale (Ilaria Bellini – 051/4172311).