torna alle news
1 Giugno 2011

Bando Innovazione e Reti

Finalità del bando:

La Regione Emilia Romagna intende supportare i processi di cambiamento tecnologico e organizzativo, attraverso il sostegno a progetti realizzati da singole imprese o da raggruppamenti di imprese, al fine di favorire l’acquisizione di know-how tecnologico ed organizzativo, con la finalità di consentire un salto qualitativo alle singole aziende e alle loro aggregazioni in rete, incentivando progetti di investimento in innovazione tecnologica. Con il presente bando la Regione intende sostenere gli investimenti innovativi delle p.m.i. dell’Emilia-Romagna al fine di valorizzarne la produzione di beni e di servizi nonché promuoverne la crescita e lo sviluppo competitivo. I progetti devono favorire processi di specializzazione produttiva e/o di erogazione di servizio finalizzati ad aumentare la competitività delle imprese, devono essere funzionali all’innovazione sia di prodotto/servizio che di processo e favorire ricadute positive sull’occupazione delle imprese in termini di posti di lavoro durevoli e di qualità.

Beneficiari:

PMI singole (anche consorzi, società consortili e cooperative) o raggruppamenti di PMI costituiti in ATI o CONTRATTI DI RETE composti da un minimo di 3 fino ad un massimo di 10 imprese. Attenzione: vi sono alcuni codici Ateco 2007 esclusi dal bando.

Spese ammissibili:

Gli investimenti ammissibili devono essere realizzati in sedi/unità produttive localizzate in Emilia Romagna. Gli investimenti realizzabili ai fini della concessione del contributo possono riguardare:

  • Investimenti per l’innovazione tecnologica
  • Investimenti per innovazione di servizio
  • Investimenti per innovazione organizzativa
  • Investimenti per innovazione di prodotto
  • Investimenti per innovazione tecnologica dei processi produttivi, con particolare riferimento all’energia
  • Investimenti per la sicurezza dei luoghi di lavoro
  • Investimenti per l’innovazione commerciale
  • Investimenti per la transizione alla tecnologia digitale


Le spese ammissibili che, dovranno riferirsi all’intervento per cui si fa la richiesta ed essere coerenti con le finalità del bando, potranno essere delle seguenti tipologie:

  • Macchinari, attrezzature e impianti ad alto contenuto di innovazione tecnologica;
  • Hardware e software;
  • Licenze per brevetti e/o software da fonti esterne;
  • Spese impiantistiche per realizzazione rete telematica/informatica;
  • Consulenze amministrative per presentazione domanda di contributo e documentazione di rendicontazione (max € 2.000,00 per ogni domanda di contributo);
  • Consulenze esterne specialistiche (max 30% della somma delle precedenti voci di spesa).

Durata e realizzazione del progetto:

Ai fini del riconoscimento della loro ammissibilità, le spese, potranno essere sostenute a partire dal giorno successivo alla data di scadenza del presente bando.(2 agosto 2011). Gli interventi agevolati dovranno concludersi entro il termine di 18 mesi decorrenti dalla data di esecutività dell’atto di concessione del contributo). Entro lo stesso termine dovrà essere presentata alla
Regione la documentazione di rendicontazione finale degli interventi agevolati. Pertanto l’arco temporale di ammissibilità delle spese va dal giorno successivo alla data di scadenza del presente bando (termine iniziale) fino a 18 mesi successivi alla data di esecutività dell’atto di concessione del contributo (termine finale).

Contributo:

Il bando concede contributi in conto capitale fino ad una misura massima del 50%, i progetti di investimento presentati dovranno avere un importo minimo di spesa di euro 75.000 e un importo massimo di euro 150.000. La Regione Emilia Romagna concederà una maggiorazione del contributo fino al 10% se, alla conclusione del progetto, si realizzerà un incremento di occupazione, di dipendenti a tempo indeterminato, pari o superiore all’80% nell’impresa beneficiaria.

Termini per la presentazione della domanda:

La trasmissione delle domande di contributo attraverso la posta elettronica certificata dovrà essere effettuata, pena la non ammissibilità delle stesse, nel periodo intercorrente tra la data del 1°Lluglio 2011 e le ore 16.00 del 1° Agosto 2011. Ai fini della verifica del rispetto del termine di presentazione della domanda farà fede la data di registrazione all’indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) della Regione presso cui devono essere trasmesse le domande stesse.