torna alle news
9 aprile 2002

ACCERTAMENTI DELLA FINANZA: ISTRUZIONI PER L’USO. VI ASPETTIAMO IL 18 SERA ALLA CONFARTIGIANATO DI VIA PAPINI 18 A BOLOGNA

CONTROLLO DELLA FINANZA? TRANQUILLI: ESISTE UNA CARTA DEI DIRITTI. APPUNTAMENTO IL 18 APRILE ALLE 20.30 “Buongiorno, Guardia di Finanza”. Alzi la mano chi non è mai incappato in un controllo fiscale. La reazione classica è l’attacco da panico. Sbagliatissimo. Bisogna sapere infatti che esiste un vero e proprio “codice di comportamento” alla quale devono attenersi anche i controllori . Per esempio gli accertatori o controllori non devono interrompere l’attività lavorativa. E non possono venire a fare accertamenti in casa a meno che non abbiano un benestare del procuratore della Repubblica . Vorreste saperne di più? Segnatevi allora questa data nell’agenda: 18 aprile sera alle ore 20.30. Alla sede provinciale della Confartigianato di Bologna (in via Papini 18) arriva nientedimeno che il colonnello Francesco Bucarelli della Guardia di Finanza. Titolo del convegno: “Verifiche fiscali, diritti e doveri”. In pratica sarà l’occasione per conoscere tutto quell
o che avreste sempre voluto sapere e non avete mai osato chiedere. Il colonnello Bucarelli sarà disponibile a rispondere a tutte le domande. Insomma un’occasione praticamente unica. Più in generale comunque, ecco alcuni consigli. Se vi capita un accertamento, sappiate che potete telefonare al vostro consulente fiscale e chiedere lumi e aiuto per telefono. L’ufficio fiscale della Confartigianato viene interpellato spessissimo per questo tipo di emergenze. Ancora più interessante è che aiuta a dirimere controversie o raggiungere patteggiamenti in caso di sanzioni pesanti. Quando arriva una verifica fiscali sappiate anche che l’accertatore si limita a verbalizzare le cose che non funzionano. Dopodiché sarà l’Agenzia delle entrate che emetterà l’atto di accertamento. Se non si è d’accordo si può naturalmente obiettare e in alcuni casi appunto, raggiungere accordi parziali con la controparte e patteggiare.