torna alle news
30 ottobre 2003

TARGHE ALTERNE

Da giovedì 2 ottobre a giovedì 4 dicembre 2003 e da giovedì 8 gennaio a giovedì 25 marzo ogni giovedì è prevista la circolazione a targhe alterne sull’area del comune di Bologna nelle seguenti fasce orarie: dalle ore 8,30 alle ore 12,30 e dalle ore 14,30 alle ore 19,30.


In pratica nei giorni di calendario pari circolano le targhe che hanno l’ultimo numero pari e viceversa.


Tali disposizioni si aggiungono a quelle già previste per la Zona a Traffico Limitato e alla pedonalizzazione del cuore del Centro di Bologna nelle giornate di Sabato e Domenica.



Chi può circolare sempre.


Il provvedimento non riguarda:




  • le biciclette



  • i veicoli elettrici o ibridi a motore elettrico, le auto a metano o a Gpl



  • le auto con almeno tre persone a bordo (car pooling) e le auto condivise (car sharing)



  • i veicoli commerciali leggeri (fino a 3,5 t., categoria N1) EURO 2 (conformi alle direttiva 96/69 CE oppure immatricolati dopo il 1/10/1998);



  • i veicoli commerciali pesanti (oltre 3,5 t., categorie N2 e N3) EURO 3 (conformi alla direttiva 99/96 CE oppure immatricolati dopo il 1/11/2001);



  • i veicoli descritti nell’allegato n.1 comprendenti le “esenzioni” (le principali esenzioni che possono riguardare le aziende sono state sottolineate).



  • i veicoli dotati di filtro antiparticolato (FAP).



Chi può circolare a targhe alterne


La disposizione riguarda le seguenti categorie di veicoli:




  • gli autoveicoli catalizzati;



  • gli autoveicoli ecodiesel



  • gli autoveicoli muniti di “bollino blu”



  • i motoveicoli (i motocarri tipo Ape, i quadricicli tipo Ape Car a quattro ruote e le motociclette con la targa)



  • i ciclomotori a quattro tempi e quelli a due tempi omologati a norma EURO



Chi non può circolare.


Il provvedimento dispone il divieto di circolazione tutti i giovedì per i seguenti veicoli:




  • gli autoveicoli non catalizzati



  • gli autoveicoli non ecodiesel



  • gli autoveicoli sprovvisti di “bollino blu”



  • i motocicli a due tempi non EURO.