torna alle news
16 luglio 2002

SICUREZZA DELLE ATTREZZATURE A PRESSIONE: dal 29 maggio 2002 è in vigore la direttiva 97/23/CE

Novità in arrivo per tutti gli artigiani e le imprese che utilizzano strumenti a pressione. Le categorie interessante sono le più varie: dal meccanico all’idraulico. La nuova direttiva, entrata in vigore il 29 maggio 2002 , riguarda più esattamente le modalità di progettazione e costruzione degli apparecchi. Ed é denominata PED (Pressure Equipment Directive).
In Italia è stata recepita con il Decreto legislativo 25 febbraio 2000, n. 93.
Le disposizioni del decreto si applicano alla progettazione, alla fabbricazione e alla valutazione di conformità delle attrezzature a pressione e degli insiemi sottoposti ad una pressione massima ammissibile (PS) superiore a 0,5 bar.
Per Ps si intende la pressione massima per la quale l’attrezzatura è progettata, specificata dal fabbricante. Questa pressione è definita nel punto specificato dal fabbricante, in cui sono collegati gli organi di protezione o di sicurezza della parte superiore dell’attrezzat
ura o, se non idoneo, in qualsiasi altro punto specificato.
COSA SONO LE ATTREZZATURE A PRESSIONE.
Le attrezzature a pressione sono, secondo la nuova legge, ” i recipienti, le tubazioni, gli accessori di sicurezza e gli accessori a pressione.
Nella lista sono compresi anche gli elementi annessi a parti pressurizzate: per esempio flange, raccordi, manicotti, supporti, alette mobili.
Ci sono poi gli “insiemi” Che sono le varie e singole attrezzature a pressione montate da un fabbricante per costruire un unico dispositivo funzionale.
La legge impone insomma delle nuove regole per la progettazione e fabbricazione. Possono essere immessi sul mercato le attrezzature a pressione e gli insiemi ovviamente conformi ala nuova normativa. E dovranno anche essere installati correttamente, mantenuti in efficienza e utilizzati conformemente alla loro destinazione.
Fra le varie disposizione la legge impone anche che le attrezzature non danneggino la salute e la sicurezza delle persone o degli animali do
mestici o la sicurezza degli oggetti presenti.
Il controllo della conformità ai requisiti essenziali delle attrezzature a pressione e degli insiemi, già immessi sul mercato muniti della marcatura CE, è operato dal Ministero delle Attività produttive e dal Ministero Lavoro attraverso i propri ispettori. Qualora venga constatato che una attrezzatura a pressione rischi di danneggiare cose o persone, verrà temporaneamente ritirato dal mercato.In questo caso è prevista la possibilità di ricorso contro la notifica.