torna alle news
3 ottobre 2007

Qualità dell’aria 2007/2008

Qualità dell’aria 2007/2008 – il provvedimento di Bologna

Area interessata dalle limitazioni
Tutto il centro abitato di Bologna, eccetto autostrada, tangenziale e principali direttrici di accesso ai parcheggi scambiatori.

Le limitazioni
PRIMA FASE – dall’ 1 ottobre 2007 al 5 gennaio 2008
(eccetto festivi: 4 ottobre, 1 novembre, ,25 e 26 dicembre 2007, 1 gennaio 2008)
dal lunedì al venerdì, dalle 8,30 alle 18,30: STOP a: veicoli PRE EURO – moto 2T PRE EURO – diesel EURO 1

SECONDA FASE – dal 7 gennaio al 31 marzo 2008
(eccetto festivi: 24/3/2008)
lunedì martedì mercoledì e venerdì, dalle 8,30 alle 18,30 STOP a: veicoli PRE EURO – moto 2T PRE EURO – diesel EURO 1 e diesel EURO 2
giovedì dalle 8,30 alle 18,30: blocco della circolazione.
possono sempre circolare
veicoli a benzina EURO 4
veicoli diesel EURO 4 con FAP
moto EURO2 ed EURO 3
car sharing per saperne di più vai)
car pooling (veicoli con almeno tre persone a bordo se omologate a quatto o più posti oppure con almeno 2 persone a bordo se omologati a 2/3 posti, oppure con equipaggi definiti nell’ambito di progetti di mobility management approvati dal Comune)
elettrici o ibridi dotati di motore elettrico
funzionanti a metano e GPL,
autoveicoli per trasporti specifici e autoveicoli per uso speciale s(ono definiti dall’art. 54 comma 2 del Codice della Strada e dall’art. 203 del Regolamento: esempi: betoniere, cisterne, autoveicoli gru, autoveicoli scala…)
ed inoltre:

1) veicoli di emergenza e di soccorso;
2) veicoli in servizio pubblico, appartenenti ad Aziende che effettuano interventi urgenti e di manutenzione sui servizi essenziali (esempio gas, acqua, energia elettrica, telefonia);
2 a) veicoli attrezzati per il pronto intervento e la manutenzione di impianti elettrici, idraulici, termici, della sicurezza e tecnologici in genere, per interventi di accessibilità all’abitazione ed il soccorso stradale,
3) veicoli di sicurezza pubblica;
4) veicoli di lavoratori in turno in ciclo continuo o doppio turno, residenti o con sede di lavoro nella zona interessata dai provvedimenti, limitatamente ai percorsi casa lavoro per turni con inizio e/o fine in orari non coperti dal servizio di trasporto pubblico di linea. I lavoratori interessati dovranno essere muniti di certificazione, rilasciata dal datore di lavoro attestante la tipologia e l’articolazione dei turni e l’effettiva turnazione; vedi facsimile–>
4 a) veicoli di operatori in servizio di reperibilità con certificazione del datore di lavoro.
5) carri funebri e veicoli al seguito;
5 a) veicoli per matrimoni e cortei nuziali;
6) veicoli appartenenti ad Istituti di vigilanza;
6 a) veicoli utilizzati dagli Ufficiali Giudiziari;
7) veicoli per trasporto persone immatricolate per trasporto pubblico (taxi, noleggio con conducente con auto e/o autobus, autobus di linea, scuolabus, ecc.)
8) veicoli a servizio di persone invalide provvisti di contrassegno "H" (handicap);
9) veicoli utilizzati per il trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili e indifferibili per la cura di malattie gravi o per visite e trattamenti sanitari programmati in grado di esibire la relativa certificazione medica e attestato di prenotazione della prestazione sanitaria;
9 a) veicoli utilizzati per il trasporto di persone dimesse da strutture ospedaliere con apposito certificato;
9 b) veicoli utilizzati dai donatori di sangue nella sola giornata del prelievo per il tempo strettamente necessario da/per la struttura adibita al prelievo;
10) veicoli di paramedici e assistenti domiciliari in servizio di assistenza domiciliare con attestazione rilasciata dalla struttura pubblica o privata di appartenenza, veicoli di medici/veterinari in visita domiciliare urgente muniti di contrassegno rilasciato dal rispettivo ordine;
11) veicoli adibiti al trasporto di farmaci e prodotti per uso medico (gas terapeutici, ecc.);
12) veicoli adibiti al trasporto di prodotti deperibili (frutta, ortaggi, carni e pesci, fiori, animali vivi, latte e/o liquidi alimentari, latticini, sementi, ecc.);
12 a) veicoli adibiti al trasporto di derrate deperibili in regime di APT;
13) veicoli in servizio di smaltimento rifiuti ed a tutela igienico ambientale;
14) veicoli al servizio delle manifestazioni regolarmente autorizzate;
15) veicoli adibiti al trasporto di carburanti, liquidi o gassosi, destinati alla distribuzione e consumo,
16) veicoli adibiti allo spurgo di pozzi neri o condotti fognari,
17) adibiti al trasporto di giornali, quotidiani e periodici,
17 a) veicoli degli operatori dell’informazione con certificazione del datore di lavoro o muniti di tesserino di riconoscimento;
18) veicoli che trasportano attrezzature e merci per il rifornimento di ospedali, scuole, mense, cantieri;
19) veicoli di autoscuole muniti di logo identificativo, durante lo svolgimento delle esercitazioni di guida (almeno due persone a bordo);
20) veicoli a servizio del recapito/raccolta postale ed assimilati, come attestato dall’Ente o dalla Ditta che esercita il servizio;
21) veicoli a servizio di operatori del commercio su area pubblica, per i soli spostamenti da/per le aree mercatali assegnate;
22) veicoli al servizio Organi costituzionali, del Consiglio Regionale, degli i Organi della Provincia, dei Comuni limitatamente alla partecipazione alle rispettive sedute provate da lettera di convocazione;
23) veicoli dei sacerdoti e dei ministri del culto di qualsiasi confessione per le funzioni del proprio ministero;
24) veicoli a servizio di persone soggiornanti presso alberghi situati nelle aree delimitate, esclusivamente per arrivare/partire dall’albergo medesimo;
25) veicoli che debbono recarsi utilizzando il percorso più breve, al collaudo/revisione già programmata, purchè muniti di apposito documento di prenotazione rilasciato dall’ Ente/Azienda che esegue la verifica;
26) veicoli diretti agli istituti scolastici per l’accompagnamento degli alunni di asili nido, scuole materne, elementari e medie inferiori, muniti di attestato di frequenza indicante inoltre l’orario di entrata e di uscita, limitatamente ai 30 minuti prima e dopo tale orario; potranno essere rilasciati un numero massimo di tre permessi per alunno; vedi facsimile
27) veicoli condotti da agenti (per esempio di commercio, immobiliari ecc.) nello svolgimento dell’attività di impresa muniti di contrassegno "A" rilasciato ai sensi della ZTL o muniti di idonea certificazione rilasciata dalla Camera di Commercio;
28) veicoli di interesse storico e collezionistico, di cui all’art. 60 del Nuovo Codice della Strada, iscritti in uno dei seguenti registri: ASI, Storico Lancia, Italiano Fiat, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI, limitatamente alle manifestazioni organizzate.
alcune informazioni su EURO e FAP

Alcune indicazioni per riconoscere a quale euro appartiene un veicolo:
autoveicoli: pre-Euro: non conformi all’Euro 1 – Euro 1: autovetture conformi alla Direttiva 91/441 o "veicoli commerciali leggeri" conformi alla direttiva 93/59 – Euro 2: autovetture conformi alla direttiva 94/12 o i "veicoli commerciali leggeri" conformi alla direttiva 96/69. – Euro 3: veicoli conformi alla direttiva 98/69. – Euro 4 veicoli conformi alla direttiva 98/69B
Come riconoscerli dalla data di immatricolazione e dalle diciture che possono comparire sul libretto: EURO 1 (immatricolati dopo 31.12.1992): · 93/59 CEE con catalizzatore – 91/441 CEE – 91/542 CEE punto 6.2.1.A – EURO 2 (immatricolati dopo 1.1.1997): 91/542 punto 6.2.1.B – 94/12 CEE – 96/1 CE – 96/44 CEE – 96/69 CE 98/77 CE – EURO 3 (immatricolati dopo 1.1.2001):98/69 CE – 98/77 CE rif 98/69 CE – 99/96 CE – 99/102 CE rif. 98/69 CE – 2001/1 CE rif 98/69 CE – 2001/27 CE – 2001/100 CE A – 2002/80 CE A – 2003/76 CE A – EURO 4 (immatricolati dopo il 1.1.2006) – 98/69/CE B – 98/77/CE rif. 98/69/CE B – 1999/96 CE B – 1999/102 CE B rif.98/69/CE B – 2001/1/CE Rif.98/69 CE B – 2001/1 CE B rif.98/69 CE B -2001/27 CE B – 2001/100 CE B – 2002/80 CE B – 2003/76 CE B
moto: Pre euro: non conformi all’Euro 1 – Euro 1 (omologati dopo il 17.6.1999) Ciclomotori e motocicli: conforme alla direttiva 97/24 CE cap. 5 – Euro 2 (ciclomotori omologati dopo il 17.6.2002, motocicli immatricolati dal 1.1.2003): Ciclomotori: conforme alla direttiva 97/24 CE cap. 5 fase II – Motocicli: direttiva 2002/51/CE fase A – Euro 3 (omologati o immatricolatidopo il 1.1.2006): 2002/51 CE fase B

FAP: Filtro antiparticolato; dispositivo di abbattimento delle polveri di cui sono dotati molti veicoli diesel di recente generazione. la presenza del filtro anti particolato risulta da idonea annotazione sulla carta di circolazione ovvero da apposta autocertificazione rilasciata dal concessionario che ha venduto il veicolo.

Da ricordare
Per accedere al centro abitato di Bologna tutti i veicoli con più di quattro anni di immatricolazione dei residenti della provincia di Bologna debbono essere muniti di bollino blu che attesta il controllo periodico dei gas di scarico. Essere in regola con il bollino blu è obbligatorio, ma non è condizione sufficiente per per circolare quando sono in vigore i provvedimenti per la qualità dell’aria.
I provvedimenti anti-inquinamento nel loro complesso non modificano in alcun modo le limitazioni di accesso al centro storico vigenti. L’accesso alla ZTL rimane pertanto consentito solo ai veicoli autorizzati. A sua volta, il possesso di contrassegno/autorizzazione di accesso alla ZTL non esime dall’osservanza dei provvedimenti anti-inquinamento

Per informazioni:
Massimo Orlandi
m.orlandi@confartigianatobologna.it

Vai alla pagina dell`Assistenza
 
Tutte le notizie a proposito di Assistenza tecnica e normativa