torna alle news
1 gennaio 1970

“PARASUBORDINAZIONE: LAVORO TIPICO O ATIPICO?”

Più di 140 persone hanno assistito al convegno “Parasubordinazione: lavoro tipico o atipico?”, che si è svolto il 16 ottobre scorso nella sala dell’ex Consiglio Regionale. Assieme agli “addetti ai lavori delle Associazioni di Categoria, dell’Inps e dell’Inail, tra il pubblico erano presenti anche i diretti interessati: collaboratori coordinati continuativi, professionisti inscritti alla gestione separata Inps 10-13%, associati in partecipazione ed altri “lavoratori atipici”. Il numero di presenze superiore alle attese e la partecipazione attenta ai lavori, dimostrano la grande attualità del dibattito sull’inquadramento giuridico del lavoro parasubordinato. Il convegno è stato organizzato da Confartigianato-Federimpresa di Bologna, dalla Federautonomi di Bologna, associazione di rappresentanza del lavoro “atipico” aderente alla Confartigianato, e dall’Associazione Nazionale degli ispettori di Vigilanza dell’Inps, con l’intento di ricercare una collocazione chiara delle forme
di occupazione riconducibili alla parasubordinazione, oggi sempre più diffuse e sempre più indispensabili.
Hanno introdotto il tema l’Assessore Regionale Duccio Campagnoli, il Segretario Provinciale della Confartigianato Agostino Benassi, il Presidente Provinciale della Federautonomi Gilberto Galanti, il presidente nazionale dell’ANIV Fedele Sponchia, il responsabile della Direzione Regionale del Lavoro Patrizio De Robertis, il Direttore Regionale dell’INPS Francesco Papa.
Sono poi intervenuti con approfondite relazioni tecniche i docenti di Diritto del Lavoro prof. Luigi Montuschi dell’Università di Bologna e dott. Francesco Paolo Rossi dell’Università Ca’ Foscari di Vnezia, il Responsabile dell’Osservatorio Appalti Pubblici della Provincia di Modena Vincenzo Pasculli.