torna alle news
1 luglio 2009

News dalla Cassazione

Per la vendita on-line serve l’autorizzazione del comune

Sentenza n.12355, 27/05/09

La società che vende prodotti sul web deve essere in regola con la disciplina del commercio e per le autorizzazioni deve rivolgersi al comune dove ha sede la ditta commerciale.
I commercianti e gli imprenditori che intendono vendere merci o servizi tramite Internet – se non vogliono pagare multe salate – devono presentare al comune di residenza la preventiva comunicazione di inizio attività e la dichiarazione di non avere la fedina penale compromessa da condanne gravi. Lo sottolinea la Corte di Cassazione che ha confermato la sanzione amministrativa di €5.169 a un commerciante di prodotti alimentari (specialità lucane) che aveva aperto un sito web senza fornire al Comune di Pollica, dove risiedeva, la documentazione prevista dal D.Lgs. n.114/98. La multa, nel caso in esame, dovrà essere pagata dal proprietario del dominio web, anche se i prodotti reclamizzati on-line non erano i suoi.

 Omessa emissione di scontrini e sospensione attività

Sentenza Corte Cassazione 13.5.2009, n. 10960

La sospensione della licenza ovvero dell’autorizzazione dell’attività per un periodo da 3 giorni ad un mese prevista nel caso in cui, nel corso di un quinquennio, siano compiute 4 distinte violazioni dell’obbligo di emissione dello scontrino/ricevuta fiscale, compiute in giorni diversi, è applicabile anche qualora il soggetto interessato provveda al pagamento di 1/4 della sanzione entro 60 giorni. Tale pagamento impedisce esclusivamente l’irrogazione delle sanzioni accessorie, tra le quali non è ricompresa la sospensione della licenza.

Per informazioni:
Marco Scorzoni 
m.scorzoni@confartigianatobologna.it

Tutte le notizie a proposito di Fisco

Vai a Amministrazione e Fisco