torna alle news
16 novembre 2009

Irpef – Versamento addizionale comunale

Il versamento delle rate dell’addizionale comunale è previsto in forma di acconto e di saldo.
Acconto: è stabilito nella misura del 30% dell’addizionale ottenuta applicando l’aliquota fissata al reddito imponibile dell’anno precedente (l’aliquota da applicare è quella vigente nell’anno precedente, salvo che la pubblicazione della delibera sia effettuata entro il 31 dicembre precedente l’anno di riferimento). L’acconto dell’addizionale dovuta è determinato dai sostituti di imposta e il relativo importo è trattenuto in un numero massimo di 9 rate mensili, effettuate a partire dal mese di marzo.
Saldo: è determinato all’atto delle operazioni di conguaglio e il relativo importo è trattenuto in un numero massimo di undici rate mensili, a partire dal periodo di paga successivo a quello in cui le stesse sono state effettuate e non oltre quello relativamente al quale le ritenute sono versate nel mese di dicembre. In caso di cessazione del rapporto di lavoro in corso d’anno, l’addizionale residua dovuta è prelevata in un’unica soluzione.