torna alle news
31 maggio 2007

Il nostro servizio immigrazione

Lo Sportello Servizio Immigrazione della Confartigianato Federimprese di Bologna, al fine di agevolare le aziende associate, si è attivato per cercare di conoscere la situazione delle pratiche relative alla immigrazione, in particolar modo per quelle inerenti le richieste Flussi 2006 che risultano ancora prive di riscontro. E’ una iniziativa che si sta rivelando molto gradita dalle aziende interessate e ha già prodotto risultati concreti e soddisfacenti, pertanto riteniamo utile segnalare agli associati la possibilità usufruire di questo aiuto nella gestione delle proprie pratiche.

Inoltre cogliamo l’occasione per ricordare che i cittadini Rumeni e Bulgari sono diventati a tutti gli effetti cittadini comunitari, quindi dall’11 aprile 2007 non devono più richiedere il permesso/carta di soggiorno, ma rivolgersi all’Ufficio Anagrafe del proprio Comune di appartenenza per richiedere l’Iscrizione anagrafica.

Resta invece ancora in vigore fino al 1° gennaio 2008 il regime transitorio relativo all’accesso al mercato del lavoro che prevede che per alcuni settori venga richiesto un nulla osta allo Sportello Unico per l’Immigrazione.

Si può assumere direttamente senza nulla osta nei seguenti settori:

– Agricolo
– Turistico alberghiero
– Domestico e di assistenza alla persona
– Edilizio
– Metalmeccanico
– Dirigenziale e altamente qualificato
– Lavoro stagionale

Ricordiamo inoltre a tutti gli associati che il nostro sportello “Servizio Immigrazione” è gestito nell’ambito dei numerosi “Servizi al Cittadino” offerti dalla nostra Associazione, con possibilità di gestire anche le buste paga di Colf e Badanti. Per coprire le esigenze di tutti gli associati della provincia lo sportello è attivo nelle seguenti sedi territoriali:

– Bologna Via Majorana
– Bologna Via Papini
– Castiglione dei Pepoli
– Granarolo
– Molinella
– San Pietro in Casale
– San Lazzaro di Savena
– Vergato
– Zola Predosa
Il servizio viene svolto su appuntamento (Tel. 051/4222151, chiedendo di Barbara Beccafarri).