torna alle news
14 novembre 2007

Eletto il miglior Pignoletto

PREMIAZIONE DEL CONCORSO “IL MIGLIOR PIGNOLETTO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA” 

Un brindisi al Pignoletto…..con il Pignoletto

Il giorno 9 novembre alle ore 12.00, presso il padiglione 33 della Fiera di Bologna durante lo svolgimento di Alimentarti, Salone Agroalimentare Artigiano e Cooperativo di Qualità, ha avuto luogo la premiazione del concorso “il Miglior Pignoletto della Provincia di Bologna ” organizzato da Confartigianato Federimprese di Bologna in collaborazione con Carisbo.

La commissione, composta da ristoratori, giornalisti specializzati e agenti di commercio del settore è stata chiamata a valutare i vini presentati, divisi nelle categorie Fermo, Frizzante e Passito. Fra le 24 aziende partecipanti, il titolo di Miglior pignoletto Frizzante è stato assegnato al Podere Riosto di Pianoro, che ha bissato il successo ricevendo anche il titolo di  Miglior Pignoletto Fermo. Il titolo di Miglior Pignoletto Passito è stato invece assegnato all’ Azienda Vitivinicola Bonfiglio

Per il Pignoletto vengo gratis, e mi pago anche il parcheggio!” afferma Giusepe Giacobazzi, comico Bolognese della trasmissione Zelig di Canale 5, che ha premiato i vincitori del Concorso e si è impegnato a citare il Pignoletto nelle sue prossime apparizioni televisive. 

La procedura di assaggio che ha portato alla scelta dei vincitori prevedeva il completo anonimato delle bottiglie, celate all’interno ad un sacchetto dorato, al fine di mantenere la concentrazione esclusivamente sulle caratteristiche organolettiche del prodotto. La giuria ha sottolineato il progressivo miglioramento qualitativo dei vini in concorso, ribadendo la necessità di promuovere un vino troppo spesso ritenuto povero e quindi ingiustamente declassato.

Siamo molto soddisfatti – dichiara Agostino Benassi, Segretario Generale di Confartigianato Federimprese Bologna – della crescente partecipazione registrata rispetto alla prima edizione del concorso. Un’aggregazione fra produttori di piccole dimensioni è infatti fondamentale per il Pignoletto per affrontare i grandi mercati, soprattutto quelli esteri.

“E’ necessario inoltre– continua il Segretario Generale – che si gettino le basi per una forte sinergia con il comparto turistico tale da rendere il Pignoletto un volano importante per tutto il territorio Bolognese, rispondendo così a due fondamentali esigenze di Marketing, quello territoriale e quello del prodotto.”
“Confartigianato Federimprese si impegna quindi – conclude Benassia promuovere azioni di tutela e di miglioramento del prodotto e per la creazione di reti e collaborazioni fra le aziende, le istituzioni e tutti i soggetti coinvolti”

L’accresciuta spontaneità nei confronti del concorso e la qualità riscontrata in tutti i vini proposti, ci motiva a promuovere iniziative finalizzate all’aggregazione delle aziende produttrici, anche nella prospettiva di un approccio ai mercati esteri”.

Il Pignoletto ha tutte le carte in regola per essere considerato il vino bolognese per eccellenza. Quello che in realtà manca è uno sforzo congiunto, anche a livello istituzionale, per far si che venga riconosciuto come tale. Troppo spesso infatti si sono perse occasioni per associare l’immagine di Bologna ai suoi eccellenti prodotti tipici.

Per informazioni:
Ilaria Bellini
i.bellini@confartigianatobologna.it

Tutte le notizie a proposito della nostra Associazione

Vai a La nostra Associazione, i Servizi che Offre