torna alle news
15 aprile 2009

Contributi per l’internazionalizzazione

La Camera di Commercio di Bologna con deliberazione di Giunta del 3 marzo 2009, ha approvato un regolamento per l’assegnazione di contributi alle imprese del territorio provinciale che realizzino azioni integrate per l’espansione sui mercati esteri, circoscritte ad un Paese e/o due Paesi esteri confinanti tra loro. Alle imprese si ricordano i seguenti punti:

  • Il termine ultimo per la trasmissione delle domande è il 31 maggio 2009.
  • La domanda va accompagnata da una relazione a firma del legale rappresentante dell’impresa sulle azioni realizzate per le quali viene richiesto il contributo.
  • E’ ammesso un solo progetto di internazionalizzazione per ogni impresa
  • Il progetto deve avere come obiettivo l’affermazione dell’impresa nel mercato di un solo Paese o al più 2 Paesi confinanti
  • Il totale dei costi ammissibili deve essere almeno 6.000,00€, al netto dell’IVA e delle analoghe imposte estere
  • Il periodo di ammissibilità delle spese (fatturate e integralmente pagate nel periodo) parte dall’1 giugno 2008 e termina il 31 maggio 2009
  • L’entità del contributo è pari al 50% delle spese ammissibili, con un limite massimo erogabile di € 5.000,00
  • I programmi presentati saranno valutati da un’apposita commissione. I punteggi sono assegnati in base a criteri pubblicati di seguito appena definiti.
  • Il contributo verrà assegnato alle sole imprese con il punteggio maggiore, fino all’esaurimento del fondo disponibile, che per l’anno 2009 è pari a 100.000€.

Il progetto deve prevedere la realizzazione di almeno 3 azioni fra quelle di seguito indicate: 

  1. Realizzazione e stampa materiale promozionale bilingue, in lingua inglese o del Paese (o 2 Paesi confinanti) oggetto del programma, in forma cartacea o elettronica, incluso sito internet aziendale. Sono ammesse spese per elaborazione testi, stampa materiale, traduzione del materiale in lingua straniera esclusi biglietti da visita, carta intestata;
  2. Protezione del marchio internazionale e/o comunitario valide per il Paese (o 2 Paesi confinanti) oggetto del programma:spese per consulenze e per deposito e/o registrazione marchi e/o brevetti comprese le azioni ufficiali per la protezione del marchio/brevetto. Sono ammesse le spese di deposito marchi e registrazione brevetti in Italia solo se condizione necessaria per la registrazione nel paese obiettivo del progetto.
  3. Certificazioni tecniche di prodotto valide per il Paese (o 2 Paesi confinanti) oggetto del programma (ad esempio: Gost, CCC, UL) (spese per consulenze tecniche volte all’ottenimento delle suddette certificazioni, spese per il rilascio delle certificazioni tecniche);
  4. Partecipazione a fiere in qualità di visitatore, partecipazione a workshop, convegni e missioni nel Paese (o nei 2 Paesi confinanti) oggetto del programma. Sono ammesse le spese per acquisto biglietto di ingresso e/o quota di ammissione all’evento, spese di viaggio ed alloggio per un massimo di due rappresentanti aziendali, spese di interpretariato. Sono escluse le spese di partecipazione ad eventi fieristici in qualità di espositore;
  5. Realizzazione, con riferimento al Paese (o 2 Paesi confinanti) oggetto del programma, di ricerche di mercato, analisi SWOT (analisi dei punti di forza e debolezza dell’impresa e minacce ed opportunità del mercato in cui intende operare l’impresa), analisi della concorrenza, ricerche di agenti e/o di altri canali commerciali, sondaggi di prodotto. Sono ammesse le spese di consulenza per la realizzazione delle ricerche/analisi/sondaggi;
  6. Pubblicità dell’impresa su media del Paese (o dei 2 Paesi confinanti) oggetto del programma (cartacei, radiotelevisivi, digitali, luoghi pubblici, ecc..). Sono ammesse le spese per la realizzazione di messaggi pubblicitari, le spese di trasmissione/pubblicazione/affissione del messaggio;
  7. Realizzazione eventi promozionali nel Paese (o nei 2 Paesi confinanti) (ad esempio: sfilate, degustazioni, dimostrazioni dei prodotti). Sono ammesse le spese per affitto sale, noleggio attrezzature, allestimenti, catering, personale di servizio, realizzazione e stampa inviti, trasporto del campionario, interpretariato, spese di viaggio ed alloggio per un massimo di due rappresentanti aziendali. Sono escluse le spese di partecipazione ad eventi fieristici in qualità di espositore.
  
Con riferimento alle spese di viaggio e soggiorno di cui ai punti 4 e 7 del presente articolo:
− è riconosciuta per i viaggi in automobile una spesa forfetaria di 0,31 Euro al chilometro;
− sono ammesse le spese di pernottamento in albergo nella località ove si tiene l’evento, o in prossimità della stessa, con il limite di due rappresentanti per azienda.
 
Vengono considerate quali spese ammissibili, ulteriori rispetto alle tre azioni minime da svolgere, le consulenze per attività di coordinamento ed indirizzo per lo svolgimento delle azioni, fatturate da soggetti esterni all’impresa o rientranti nell’ambito di collaborazioni mediante contratti a progetto o utilizzo di temporary export manager, con espressa indicazione in contratto della connessione al progetto di internazionalizzazione.
 
Le spese sostenute internamente – derivanti dal costo del personale dell’impresa dedicato al progetto nell’arco temporale di ammissibilità – sono ammesse fino a un massimo del 10% delle restanti spese ammissibili esterne.

Per l’anno 2009 i criteri in base al quale verrà predisposta la graduatoria delle domande di contributo presentate saranno i seguenti:

N. criterio

Presupposto

Punteggio
massimo

1

Per ogni azione realizzata di cui ai punti 1, 4 e 6 dell’art. 5 del Regolamento

3

2

Per ogni azione realizzata di cui ai punti 2, 3 e 5 dell’art. 5 del Regolamento

6

3

Per ogni azione realizzata di cui al punto 7 dell’art. 5 del Regolamento

4

4

Per ciascuna azione che abbia comportato spese ammissibili superiori ad € 5.000,00

3

5

Sostenimento spese di consulenza per attività di coordinamento ed indirizzo per lo svolgimento delle azioni previste nel programma, fatturate da soggetti esterni all’impresa o rientranti nell’ambito di collaborazioni mediante contratti a progetto o utilizzo di temporary export manager, con espressa indicazione in contratto della connessione al progetto di internazionalizzazione

3

 Per informazioni:

Ufficio Credito Confartigianato
Luciano Moda, Lucia Gandini
051/4172311-051/6388670
l.moda@confartigianatobologna.it
l.gandini@confartigianatobologna.it

Vai al Credito

Tutte le notizie a proposito di Credito