torna alle news
31 gennaio 2019

CONFARTIGIANATO INFORMA: BANDO ER ECOBONUS VEICOLI COMMERCIALI – ANNO 2019

Finalità
Incentivare le Piccole e Medie Imprese (PMI) con almeno una sede nel territorio della Regione Emilia-Romagna a sostituire veicoli commerciali N1 e N2 con automezzi a minore impatto ambientale.

Beneficiari
PMI attive, con sede legale e/o unità operativa nella Regione, proprietarie di un veicolo commerciale DIESEL di categoria N1 o N2 da destinare alla rottamazione.

Ogni impresa può presentare al massimo 2 domande di contributo per la sostituzione di 2 veicoli.

Iniziative Ammissibili
Sono agevolati interventi di sostituzione dei veicoli inquinanti con
veicoli nuovi, immatricolati per la prima volta a nome dell’impresa richiedente;
veicoli acquistati tramite leasing con obbligo di riscatto già evidenziato nell’ordine.

Spese Ammissibili
Acquisto di veicoli commerciali di categoria N1 o N2 aventi le seguenti tipologie di alimentazione:
elettrica;
(Ibrido elettrico) – benzina* (Full hybrid o Hybrid Plug In);
Metano (mono e bifuel benzina) Euro 6;
GPL (mono e bifuel benzina) Euro 6.

a partire dal 15 ottobre 2018.

L’ordine del nuovo automezzo deve risultare perfezionato entro il 18 ottobre 2019, mentre la rottamazione del veicolo di proprietà dovrà risultare successiva al 31/12/2017.

La data ultima di rendicontazione è fissata al 31/12/2019.

Agevolazione
Contributo a fondo perduto che varia a seconda delle dimensioni e del tipo di alimentazione del nuovo veicolo, da un minimo di € 4.000,00 ad un massimo di € 8.000,00.

L’agevolazione rientra nel regime “de minimis”.

Lo stanziamento complessivo è pari a 3.850.000,00 euro.

La procedura è articolata in tre fasi:
Fase 1 – Presentazione della domanda, a partire dal 15/11/2018 (e fino al 15/10/2019)
Fase 2 – Invio dell’ordine di acquisto, successivamente alla concessione del contributo e comunque non oltre il 15/10/2019;
Fase 3 – Presentazione della domanda di erogazione, una volta completato l’intervento (rottazione e nuovo acquisto), entro il 31/12/2019.

E’ previsto che le domande escluse dallo stanziamento siano inserite in lista di attesa, utile nel caso di reperimento di ulteriori fondi.