torna alle news
1 aprile 2008

Confartigianato incontra i candidati

In vista delle imminenti elezioni politiche di Domenica 13 e Lunedì 14 Aprile, Confartigianato Federimprese della provincia di Bologna organizza una serie di incontri pubblici con i candidati dei maggiori schieramenti, con l’intento di illustrare le priorità dell’artigianato e della piccola e media impresa e sollecitare una assunzione di responsabilità di chi a breve si troverà alla guida del paese. Il Segretario Provinciale di Confartigianato Federimprese Agostino Benassi incontrerà, nella sede provinciale di via Papini 18, i candidati della nostra  secondo il seguente calendario:

  • Gian Luca Galletti e Cristina Marri UDC – Mercoledì 2 Aprile alle ore 18.00
  • Giuliano Cazzola Pdl  – Martedì 8 Aprile alle ore 17.30
  • Gianluca Beneamati Pd  – Venerdì 11 Aprile alle ore 17.00

“Dopo meno di due anni – dichiara Agostino Benassi, Segretario Provinciale della Confartigianato Federimprese Bologna – si torna a votare, e se è pur vero che votare costituisce una delle massime espressioni della democrazia, farlo troppo spesso impedisce la realizzazione di scelte strategiche indispensabili per il nostro paese. Negli incontri con i candidati dei principali schieramenti chiederemo che chi verrà eletto si assuma le responsabilità conseguenti al mandato che riceve.”

“Il nostro Paese – continua Benassi – ha bisogno di affrontare scelte strategiche fondamentali e nello specifico chiederemo che chi si assumerà la responsabilità di governarlo lo faccia tenendo presente le priorità dell’artigianato, Bolognese come Nazionale quali la questione energetica, il riordino della pubblica amministrazione e il conseguente snellimento e svecchiamento della burocrazia, l’adeguamento della scuola e dell’Università alle nuove esigenze dell’economia e della società, la costruzione di un sistema fiscale equilibrato, che restituisca competitività alle nostre imprese, le opere infrastrutturali necessarie per rendere il nostro Paese moderno e competitivo.”

“Queste – aggiunge Benassi – sono solo alcune delle priorità da affrontare che un sistema bipolare maturo dovrebbe saper gestire anche nella sacrosanta logica dell’alternanza. Di questo difetta il nostro sistema, che non può permettersi la rissosità permanente che ha caratterizzato il confronto politico di questi anni.

“Ai nostri associati – conclude il segretario di Confartigianato – chiederemo di votare per quei candidati che si impegneranno per gli obiettivi sopramenzionati e soprattutto riconosceranno il ruolo centrale dell’impresa per lo sviluppo del nostro paese e si impegneranno a favorire la competitività. Chiederemo di esercitare la funzione di controllo e di stimolo a chi invece resterà all’opposizione ericorderemo infine ai candidati che il fine ultimo è l’interesse di tutto il paese e non quello del proprio partito o coalizione. Ribadendo il proprio ruolo di associazione apartitica, Confartigianato si conferma riferimento per le imprese sulla strada dello sviluppo e della competitività.