torna alle news
14 giugno 2005

Confartigianato e Manpower

E’ giunto alla seconda fase il progetto che vede coinvolti Confartigianato, Comune di Bologna, Manpower e Cnos/Fap – Salesiani. Dopo un periodo di formazione di 250 ore, 9 ragazzi seguiti dall’Ufficio Assistenza Sociale del Comune di Bologna sono stati inseriti in Borsa Lavoro presso 8 aziende metalmeccaniche della Provincia di Bologna associate a Confartigianato.

Questi ragazzi, di età tra i 16 e i 18 anni, senza alcuna esperienza di lavoro, arrivati in Italia da pochi mesi e senza permesso di soggiorno, hanno frequentato un corso di meccanica organizzato dall’Ente di Formazione CNOS-FAP presso l’Istituto Salesiani di Bologna. Durante il coso i ragazzi hanno appreso le basi della lavorazione meccanica con l’utilizzo di torni tradizionali, oltre ad alcuni cenni di lavorazione su macchine a controllo numerico. Il corso e’ terminato il 22 aprile scorso e dal 2 maggio 2005 i ragazzi hanno iniziato la loro prima esperienza lavorativa importante. Sono stati inseriti in aziende che avevano manifestato all’Associazione il loro interesse al progetto e il bisogno di inserire nuovo personale, anche da formare, all’interno dell’azienda stessa.

Prima dell’inizio della Borsa Lavoro è stato organizzato un colloquio presso ogni azienda, nel quale l’imprenditore ha potuto conoscere e parlare con il ragazzo e quest’ultimo ha potuto visitare l’officina dove sarebbe stato inserito.
Successivamente è iniziata l’esperienza della Borsa Lavoro della durata di 2 mesi e mezzo. Al termine della Borsa Lavoro è previsto un secondo periodo nel quale il ragazzo sarà inserito con un contratto di somministrazione (l’ex contratto interinale) per altri 2 o 3 mesi. Al termine di questo periodo, verrà valutata la possibilità di una assunzione in azienda.

Obiettivo di tale progetto è quello di riuscire a coniugare al meglio l’esigenza di manodopera delle imprese e la necessità di questi ragazzi di inserirsi a livello socio-lavorativo per acquisire una propria autonomia. I ragazzi immigrati, inoltre, avranno la possibilità di essere regolarizzati ed avere un regolare permesso di soggiorno.

“Siamo molto soddisfatti – afferma con orgoglio Agostino Benassi Segretario Provinciale – di questo progetto, che permette di dare una reale risposta alle esigenze di manodopera delle imprese e apre le porte a ragazzi in difficoltà, offrendo loro una concreta possibilità di inserimento nella nostra società”.

E’ già nata la proposta di riproporre questa esperienza nel prossimo autunno, anche in profili professionali diversi.
Le imprese interessate a partecipare a questa iniziativa possono contattare l’Ufficio Formazione Confartigianato.

Maddalena Lancia e Patrizia Lelli, email: p.lelli@confartigianatobologna.it
Ufficio Formazione Confartigianato, tel 051 4172311, fax 051 326606.