torna alle news
8 giugno 2015

CONFARTIGIANATO BOLOGNA IMOLA: 16° CONGRESSO PROVINCIALE

Venerdì 5 giugno 2015 si è celebrato il 16° Congresso Provinciale di Confartigianato Imprese di Bologna e di Imola

Il Congresso si è aperto con la relazione del Presidente Gianluca Muratori cui è seguito il saluto di Mons. Ernesto Vecchi – Vescovo Ausiliare Emerito dell’Arcidiocesi di Bologna, Marco Granelli – Vice Presidente Nazionale Confartigianato Imprese,  Matteo Lepore  – Assessore Economia e promozione della Città Bologna– Giorgio Tabellini – Presidente della Camera di Commercio di Bologna.

Massimo Gagliardi – Vice Direttore de Il Resto del Carlino,  ha moderato il dibattito tra Cesare Fumagalli – Segretario Generale Confartigianato Imprese e l’On. Gianluca Benamati  – X Commissione Attività Produttive – Capogruppo PD.

Il Presidente Gianluca Muratori, rieletto all’unanimità, nella relazione di apertura della parte pubblica, ha richiamato l’attenzione sulla necessità di proseguire i tagli dei costi delle società partecipate dalla Regione Emilia Romagna. Un provvedimento promesso in campagna elettorale dal governatore Stefano Bonaccini, sul quale ora gli artigiani chiedono una stretta.

Senza cedere ad un facile populismo – ha sottolineato il Presidente – ci domandiamo se 4.789 consiglieri di amministrazione delle società partecipate dagli enti locali siano davvero tutti necessari”.

La sforbiciata ai costi della politica realizzata in questi primi mesi, è solo un primo passo ma Confartigianato si aspetta di più: “L’annunciato e praticato taglio da 15 milioni di euro dei costi della politica è sicuramente un atto importante, doveroso e dovuto ai cittadini, ma non dimentichiamo che il bilancio regionale ha dimensioni tali da consentire ulteriori interventi di efficientizzazione”, ha aggiunto Muratori.

In merito alla situazione attuale dell’Area Metropolitana, il Presidente ha aggiunto:

La politica è concentrata sul mantenimento delle posizioni degli amministratori. Il fatto che gli argomenti che si trovano sui giornali siano gli stessi di 10-15 anni fa, non è un fatto positivo. E’ arrivato, secondo noi, il momento di fare le cose, il momento per discutere c’è già stato. Dalle istituzioni si vorrebbe il coraggio di applicare queste decisioni”.

Guardiamo con piacere all’attenzione di grandi imprese internazionali, ma ci piacerebbe che la stessa attenzione fosse dedicata a chi dal territorio non si è mai mosso. Alle piccole imprese che fanno occupazione, non a colpi di 100 o 200 assunzioni, ma che uno ad uno hanno creato 120.000 posti di lavoro“, sottolinea Muratori.

E ancora: “Credo che il Comune di Bologna possa e debba maggiormente – non solo nei periodi pre elettorali, perche’ questo non fa onore a nessuno – applicarsi e attivarsi durante tutto il mandato in funzione del fatto che, quando esistono proposte come lo Small business Act, Bologna, che è sempre stata all’avanguardia, possa applicarne in parte gli aspetti che favoriscono le piccole e medie imprese a lavorare vicino a casa”.

Confartigianato Imprese di Bologna e di Imola chiede anche che si faccia di più anche contro le occupazioni a Bologna, che sono: “Un fenomeno in crescita, specchio di una deriva sociale“, Quello che per il Presidente risulta inaccettabile è che “stanno diventando una forma ricattatoria, magari di alcuni gruppi più o meno politici, che strumentalizzano i deboli per giustificare ed alimentare una lacerazione ed uno sfregio a chi rispetta tempi e norme“.

Più in generale  è stata lanciata una sollecitazione alle istituzioni a tenere in conto del mutamento della percezione generale sulla sicurezza cittadina. “Da una ricerca che stiamo effettuando emergono dati importanti– sottolinea Muratori nel suo intervento- senza alimentare allarmismi vorremmo evidenziare che sottovalutare il problema rischia di esacerbare la chiusura delle persone, nell’incertezza delle tutele“.  Si chiede, inoltre, che siano applicate “sanzioni” per scoraggiare il fenomeno “barbaro” dei graffiti. “Si colpiscano efficacemente gli autori di questa forma di degrado semplicemente incivile“.

Clicchi qui per scaricare la RELAZIONE DEL PRESIDENTE MURATORI

video