torna alle news
1 gennaio 1970

Centinaia di persone allo stand di San Lazzaro

Difficile dire se sono piaciuti di più gli assaggini di prezioso aceto balsamico oppure le ceramiche artistiche. Quel che è certo è che ha riscosso un grande successo lo stand di Confartigianato allestito a San Lazzaro in occasione della “Festa di Primavera”.
Migliaia di persone sono passate e si sono fermate. Tutti hanno apprezzato la degustazione del vero aceto balsamico di Modena, prodotto dal premiato Cavalier Prandini. “Il pubblico – racconta Claudio Corsini, responsabile dell’Ufficio Confartigianato di Ozzano – è rimasto incuriosito dalle botti di aceto balsamico in vero rovere e castagno delle nostre colline emiliano-romagnole, diverso dal legno del nord Europa. – Il nostro stand è stato reso più interessante grazie ad alcuni nostri associati. Oltre a Prandini – continua Corsini – c’erano le maioliche di Silvia Bugini di Ozzano e i vetri artistici della ditta Giuseppina Parentela di San Lazzaro. Questo è stato un segnale dello spirito della
Confartigianato: l’obiettivo è tutelare le piccole attività artigianali in estinzione”.
Ma allo stand si è parlato anche e soprattutto di qualità del lavoro. E di come Confartigianato può dare una mano a risolvere i piccoli e grandi problemi di ogni attività. Per tutto il giorno è stato spiegato con chiarezza e semplicità tutti i servizi offerti agli imprenditori dalla Confartigianato. Troppo lungo qui enumerarli tutti. Citiamo fra i tanti il servizio di assistenza fiscale, amministrativa, la consulenza per trovare il credito più conveniente, i bandi e le occasioni più interessanti e magari meno pubblicizzati.
Se sei interessato a partecipare in futuro a simili inziative, contatta subito l’ufficio sindacale provinciale, tel 051 4172311.