torna alle news
10 marzo 2007

Bologna Capitale del Gusto

Il progetto “Bologna Capitale del Gusto” ha l’obiettivo di restituire ad un territorio (l’Emilia –Romagna) e ad una Città (Bologna) una legittima funzione di Capitale del Gusto, che gli è dovuta anche perché patria dell’autentico legislatore della sapienza gastronomica italiana, Pellegrino Artusi, che sulla cucina bolognese espresse questo indiscutibile giudizio: ”Quando sentite parlare della cucina bolognese fate una riverenza, ché se la merita. È un modo di cucinare un po’ grave, se vogliamo, perché il clima così richiede; ma succulento, di buon gusto e salubre, tanto è vero che colà le longevità di ottanta e novant’anni sono più comuni che altrove”. A lui risponde Guido Piovene: “La più ricca e celebre cucina d’Italia”. Si tratta dunque di una vera e propria investitura, almeno per quanto riguarda il passato. Ma, ciò che è più significativo, Bologna può dirsi la capitale della gioia di vivere. Lasciamo per questo la parola ed Enzo Biagi: ”Dalle nostre parti vivono gli ultimi epicurei e tutto riporta ad un senso concreto dell’esistenza…. E’ certo una terra di gaudenti”. E d’altra parte, sia perché da sempre nodo di intensi scambi commerciali, sia perché sede della quasi millenaria Università, Bologna è sempre stata abituata a ricevere ospiti da ogni parte del mondo, a conoscerne e ad apprezzare le loro specialità, gastronomiche e non. Quindi tutti i paesi che vorranno far conoscere i loro prodotti, le loro bellezze, troveranno qui un pubblico attento ed interessato.

L’idea alla base del progetto, che gode del patrocinio del Comune di Bologna e del sostegno di EMILBANCA, è quella di fare della nostra città  la sede della rete giornalistica “Federazione del buon e bello vivere L’Italia del Gusto”. Bologna così tornerà ad essere capitale del gusto, vetrina di tutto ciò che rende piacevole la vita.

Il Comitato di Bologna Capitale del Gusto è composto attualmente dall’Associazione Italia del Gusto, dalla Confartigianato Federimprese di Bologna, dalla rivista specializzata Degusta. Il comitato è attivo dal maggio 2005 e nel 2006 ha organizzato diversi appuntamenti di formazione e sensibilizzazione con la partecipazione di giornalisti, pubblici amministratori, rappresentanti di associazioni e imprenditori di oltre dieci regioni italiane.

Per l’anno 2007 il programma delle iniziative prevede incontri in tutti i Quartieri di Bologna, in ristoranti qualificati, aperti alla partecipazione dei rappresentanti delle istituzioni e delle associazioni locali, a giornalisti della stampa locale regionale e nazionale, a delegati de l’Italia del Gusto delle altre province dell’Emilia Romagna e di altre regioni italiane, al fine di recuperare e raccontare le storie e le culture del territorio, confrontare la propria realtà con quella delle altre comunità locali e regionali e riaffermare il ruolo di Bologna come crocevia del buon e bello vivere. Tutte le iniziative avranno l’obiettivo di “informare chi informa”.

Giovedì 15 marzo in un incontro con il Coordinamento dei Presidenti dei nove Quartieri di Bologna è stato presentanto il programma 2007 e sono state concordate le modalità di partecipazione attiva da parte delle istituzioni locali.

Il calendario delle iniziative che si svolgeranno nei ristoranti selezionati nei nove Quartieri di Bologna:

28 marzo 2007: Navile
Aprile 2007: Reno e Porto
Maggio 2007: Borgo Panigale
Giugno 2007: Saragozza
Luglio 2007 : Santo Stefano
Settembre 2007: San Donato, San Vitale e Savena
Incontro nazionale “Bologna, Capitale del gusto”:

Ottobre 2007: evento con il coinvolgimento delle realtà territoriali di Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia,Valle d’Aosta,Trentino Alto Adige, Marche, Molise, Puglia.

“Partecipando a questa iniziativa – spiega Agostino Benassi Segretario Provinciale della Confartigianato Federimprese di Bologna – continua il nostro impegno per la valorizzazione del sistema economico bolognese attraverso la promozione delle eccellenze enogastronomiche che lo caratterizzano. Subito dopo la conclusione dell’iniziativa “A Marzo Beviamo Bolognese”, che vede coinvolte decine di ristoratori e di produttori vinicoli locali, si terrà il primo appuntamento del progetto “Bologna Capitale del Gusto”, che proseguirà fino a ottobre 2007 con lo scopo di sensibilizzare i mezzi di comunicazione su quanto sia opportuno valorizzare ciò che di positivo offre il nostro territorio, partendo dalla consapevolezza che le iniziative sono tante ma che mancano i canali adeguati per raggiungere il grande pubblico”

 “Anche ad un osservatore poco attento – dichiara Giorgio Dalla Barba Presidente Nazionale dell’Associazione Italia del Gusto – appare chiaro che Bologna, città dotta e del buon e bello vivere, si sia lasciata superare nei fatti da altre zone d’Italia, per quanto riguarda il gusto, sia in senso gastronomico che estetico-edonistico. Torino, Milano, Parma, sono i punti di riferimento per quanto riguarda il pensiero e le esperienze legate a questo particolarissimo settore. Ancor più critica è la situazione della comunicazione, sia relativamente all’estero che nell’ambito nazionale: vi è un fiorire di trasmissioni televisive, di iniziative editoriali, di sagre, nonché di giornalisti e di operatori del mondo della comunicazione che operano a vario titolo nel settore, ma sono dispersi in mille rivoli ed incapaci di racchiudere in un progetto unitario la forza delle tradizioni e la civiltà del convivio. Per questo abbiamo avviato una collaboerazione con la Confartigianato Federimprese di Bologna che sta promuovendo iniziative importanti sulle specificità enogastronomiche del territorio bolognese.”

Per informazioni:

Segreteria Organizzativa – Confartigianato Federimprese Bologna –  051/4172354

www.italiadelgusto.it
www.degusta.it